COMUNICATO STAMPA: LILIANA DE CURTIS A NOLA

Interverranno all'incontro, oltre a Liliana De Curtis (autrice), anche Felice Napolitano (Sindaco di Nola), Arturo Cutolo (Assessore ai Beni Culturali del Comune di Nola), Carmela Maietta (giornalista), Maria Almavilla (giornalista) e Angelo Amato de Serpis (giornalista).

Allegati

31/mar/2009 10.34.30 Associazione Meridies Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

 

LA SETTIMANA DELLA LETTERATURA A NOLA

21 - 28 marzo 2009

 

LILIANA DE CURTIS A NOLA

 

GIOVEDI’ 2 APRILE 2009 - ore 18.00

 SALA CONSILIARE COMUNE DI NOLA

 

 

 Si chiude giovedì prossimo, con un attesissimo appuntamento, la rassegna culturale "LA SETTIMANA DELLA LETTERARATURA". Dopo gli incontri effettuati nei giorni scorsi con Massimo Cacciapuoti e Antonio Spagnolo, infatti, presso la Sala Consiliare del Comune di Nola, giovedì 2 aprile, alle 18.00, la figlia del grande Antonio De Curtis, in arte Totò, presenterà l’ultimo suo lavoro dedicato a Malafemmena, la più bella canzone scritta da Totò. Interverranno all'incontro, oltre a Liliana De Curtis (autrice), anche Felice Napolitano (Sindaco di Nola), Arturo Cutolo (Assessore ai Beni Culturali del Comune di Nola), Carmela Maietta (giornalista), Maria Almavilla (giornalista) e Angelo Amato de Serpis (giornalista). L’evento è realizzato a cura del Comune di Nola (Assessorato ai BB.CC.), della Libreria Guida di Nola, di Napoli Cultural Classic, dell'Associazione Meridies e dell'Associazione Il Segnalibro. "La Settimana della Letteratura - ha sottolineato Angelo Amato de Serpis, presidente e responsabile del settore letterario dell'Associazione Meridies -, chiude giovedì con un appuntamento molto atteso con Liliana De Curtis e con il grande Totò. Siamo più che soddisfatti di questa iniziativa che il pubblico ha dimostrato di apprezzare molto. Infatti numerose attestazioni di apprezzamento per l’iniziativa ci sono giunte anche dalle case editrici e da numerosi autori, che ci hanno incoraggiato a proseguire su questa strada. Per tali motivi stiamo studiando la possibilità di poter ripetere tale evento e, quasi certamente, nuove “settimane letterarie” saranno realizzate a breve. Tra le prossime allo studio sono la Settimana della poesia e la Settimana della letteratura per ragazzi. Mi preme anche sottolineare come nel settore letterario, tra gli scrittori e le case editrici, grazie ai numerosi incontri d’autore realizzati durante tutto l’anno, particolarmente per merito della Libreria Guida di Nola di Rosa Barone, la città bruniana è diventata oggi una delle piazze più note ed, in Campania, può, senza ombra di dubbio, essere considerata la terza città dopo Napoli e Salerno per l’importanza ed il livello culturale di tali appuntamenti. Di tutto questo ne siamo ovviamente molto orgogliosi”. "La rassegna culturale “LA SETTIMA DELLA LETTERATURA” - ha esordito l'Assessore Arturo Cutolo -, nonostante il forfait forzato di Sarah Maestri, che aspettiamo presto a Nola, chiude con un altro incontro di grande interesse con Liliana De Curtis. Il grande Totò è il degno finale di una rassegna che merita essere consolidata nel tempo. Tale esperimento ha riscontrato un grande consenso di pubblico e di critica. Tutto questo ci conforta e ci stimola a continuare su questa strada. Nola è ormai diventata una delle piazze più note, a livello nazionale, sotto il profilo letterario e degli incontri d’autore”.

MALAFEMMENA

"Femmena tu si 'a cchiù bella femmena, te voglio bene e t'odio, nun te pozzo scurdà¿" L'ultimo verso della canzone più famosa di Totò racchiude l'essenza della sua storia d'amore con la bellissima moglie Diana. Il principe Antonio de Curtis ebbe una vita sentimentale tumultuosa, da autentico sciupafemmine, ma amò profondamente una sola donna, Diana, madre della sua unica figlia, Liliana. Il loro legame fu intenso e passionale, e portò entrambi a commettere follie e a infrangere ogni tabù. Quando si conobbero, Totò aveva più di trent'anni ed era già un attore abbastanza noto, mentre Diana, appena quindicenne, viveva in un collegio di suore a Firenze. Qualche mese dopo il loro primo incontro la ragazza fuggì dal convento per raggiungere l'amato a Roma. Da quel giorno, tra liti e riconciliazioni, i due vissero un rapporto fatto di attrazione fisica, complicità, tenerezza, ma anche conflittuale, avvelenato dalla gelosia di Totò. Basti pensare che, nel timore di essere tradito, nel '39 chiese e ottenne il divorzio in Bulgaria, pur continuando a vivere con la moglie: il suo modo surreale per esorcizzare l'incubo delle "corna", in una situazione parossistica e distruttiva per entrambi, destinata necessariamente a concludersi con un addio, anche se il ricordo del loro grande amore, idealmente, li tenne sempre uniti. Tanto che Diana, scomparsa nel 2006, nei suoi ultimi anni visse nel ricordo di quel marito adorato, odiato, tradito e amaramente rimpianto fino all'ultimo respiro.
Liliana de Curtis, con Matilde Amorosi, ha voluto raccontare la struggente storia d'amore dei genitori per ristabilire il ruolo che spetta alla madre nella vita del principe De Curtis e anche per descrivere il padre nella sua più intima verità. Il risultato è il romanzo di una coppia che si amò oltre ogni limite e fuori da ogni schema, rivelando, nella forza trasgressiva di un sentimento travolgente, un'estrema modernità.

LILIANA DE CURTIS

 

Liliana de Curtis è l'unica figlia di Totò, legatissima al ricordo del padre che domina ancora oggi la sua vita. Avrebbe voluto fare l'attrice, ma lui glielo impedì consentendole soltanto, quando era bambina, una breve apparizione in un suo film del 1940, San Giovanni decollato. Insieme a Matilde Amorosi ha scritto vari libri dedicati al padre sulla scia dei suoi ricordi e dei suoi rimpianti, tra i quali per Mondadori, Totò mio padre e Totò a prescindere.

 

 

2 APRILE

 

CONVEGNO - NOLA (NA)

 

"La settimana della letteratura 21-28 marzo 2009": Presentazione libro "Malafemmena" di Liliana De Curtis, con Matilde Amorosi - Ed. Mondadori - Interventi di Liliana De Curtis (autrice-figlia del grande Totò), Felice Napolitano (Sindaco di Nola), Arturo Cutolo (Assessore ai Beni Culturali del Comune di Nola), Maria Almavilla (giornalista), Carmela Maietta (giornalista) e Angelo Amato de Serpis (giornalista) - a cura del Comune di Nola (Assessorato ai BB.CC.), della Libreria Guida di Nola, di Napoli Cultural Classic, dell'Associazione Meridies e dell'Associazione Il Segnalibro

 

Aula Consiliare del Comune di Nola (Na) - ore 18.00

 

 

 

 

 

INFO: www.areanolana.it

 

Hai ricevuto quetsa mail in quanto iscritto alla mailing list dell'Associazione Meridies. Se non intendi ricevere informazioni e comunicato dal sito www.areanolana.it di Meridies puoi cancellare il tuo indirizzo di posta elettronica dalla nostra lista rispondendo alla newsletter ricevuta con oggetto "cancellami". I dati in possesso dell'Ufficio Stampa sono trattati in rispetto all'art. 7 del codice della Privacy  (d. lgs 196/2003), sulla tutela dei dati personali e saranno utilizzati al fine di aggiornarti sulle notizie da te prescelte.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl