COMUNICATO STAMPA: LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA DI SCENA A GENOVA

COMUNICATO STAMPA: LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA DI SCENA A GENOVA COMUNICATO STAMPA LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA DI SCENA A GENOVA UNIVERSITA' DI GENOVA-FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE 2-4 aprile 2009 SABATO (SIMON) RODIA AND THE WATTS TOWER OF THE LOS ANGELES Sabato (detto Simon o Sam) Rodia (1879-1965) era un immigrato italiano negli Usa, dove lavorò come minatore, operaio, muratore e piastrellista.

Allegati

02/apr/2009 14.07.13 Associazione Meridies Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


COMUNICATO STAMPA

 

LA FESTA DEI GIGLI DI NOLA DI SCENA A GENOVA

 

UNIVERSITA' DI GENOVA-FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE 

2-4 aprile 2009

 

SABATO (SIMON) RODIA AND THE WATTS TOWER OF THE LOS ANGELES

 

Sabato (detto Simon o Sam) Rodia (1879-1965) era un immigrato italiano negli Usa, dove lavorò come minatore, operaio, muratore e piastrellista. Tra il 1921 e il 1954, in assoluta solitudine, edificò a Los Angeles, nella zona di Watts, le Watts Towers, un fantastico complesso di strutture in acciaio e cemento, due delle quali raggiungono i 30 metri circa di altezza. Oggi le torri sono unanimemente considerate un capolavoro dell’arte e architettura del Novecento e uno dei monumenti più significativi della metropoli americana. La loro storia si intreccia a quella di una delle comunità urbane più popolose di Los Angeles, al punto di rappresentarne le istanze di rinascita sociale e culturale.
Il convegno, organizzato congiuntamente dall’Università di California (Los Angeles) e dall’università di Genova intende mettere a fuoco i molteplici significati connessi alla straordinaria vicenda delle torri: il contributo dei migranti e degli artisti indipendenti all’arte del Novecento, gli aspetti misconosciuti dell’emigrazione italiana, il rapporto tra tradizioni locali e cultura globale, le inaspettate relazioni tra il lavoro migrante e il conflitto sociale e urbano nelle metropoli americane.
Tale iniziativa sarà chiusa da un ampio spazio dedicato alla Festa dei Gigli di Nola che sarà curato da Felice Ceparano (Direttore del Museo etnomusicale I Gigli di Nola), che affronterà il tema La Festa dei Gigli di Nola e la sua fortuna nel XX secolo, e dall'antropologa Katia Ballacchino (Università degli Studi La Sapienza di Roma) che relazionerà sul tema  La Festa Migrante: Nola, Williamsburg, Los Angeles: La tradizione del Giglio da cultura materiale a patrimonio immateriale. 

Reproducing Nola

La Festa dei Gigli di Nola e la sua fortuna nel XX secolo
Felice Ceparano, Director, Museo etnomusicale I Gigli di Nola, Nola, Italy

La Festa Migrante: Nola, Williamsburg, Los Angeles: La tradizione del Giglio da cultura materiale a patrimonio immateriale
Katia Ballacchino, C. Phil., Università degli Studi La Sapienza, Rome, Italy

 

INFO: www.areanolana.it

 

Hai ricevuto quetsa mail in quanto iscritto alla mailing list dell'Associazione Meridies. Se non intendi ricevere informazioni e comunicato dal sito www.areanolana.it di Meridies puoi cancellare il tuo indirizzo di posta elettronica dalla nostra lista rispondendo alla newsletter ricevuta con oggetto "cancellami". I dati in possesso dell'Ufficio Stampa sono trattati in rispetto all'art. 7 del codice della Privacy  (d. lgs 196/2003), sulla tutela dei dati personali e saranno utilizzati al fine di aggiornarti sulle notizie da te prescelte.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl