Il Roero diventa DOCG

la percentuale del

22/lug/2004 17.21.11 Gastarea News Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
I vini del Roero, (roero arneis, roero rosso, roero arneis spumante)
diventeranno docg.
Giovedì 15 luglio, a Roma, il Comitato nazionale per la tutela delle
Denominazioni di
origine dei vini ha approvato la proposta di disciplinare Docg.

Per quanto riguarda il Roero rosso al momento rimane, nella composizione,
la percentuale del
2-5% di roero arneis, ma è si discute dell'opportunità di mantenere questa
percentuale
di vitigno a bacca bianca, non propriamente "canonica" per un vino che ha
ambizioni di
struttura e capacità di tenuta nel tempo.

Intanto a Monteu Roero inizia la sagra del Roero Arneis e sugli scaffali
di Gastarea
arriva il Roero Arneis Sernì 2003 di Taliano, insieme ad altre novità:

di Taliano il 2000 del Barbaresco Ad Altiora ed il Nebbiolo 2003
"Blagheur", dallo strepitoso
rapporto qualità prezzo (solo 7,20 euro!!). Il termine "Blagheur" nel
dialetto piemontes
definisce uno che "se la tira". La famiglia Taliano è una famiglia
agricola, e anni fa il
nebbiolo prodotto era esclusivamente destinato alla vendita: alla famiglia
erano destinati
i più umili dolcetto e barbera. Quando il capofamiglia diceva "blaguma 'na
vota" ("allarghiamoci"
una volta) significava che l'occasione meritava una bottiglia di quello
buono,
e si stappava una bottiglia di Nebbiolo.

***

Di Montaribaldi arriva il 2001 del Barbaresco "Sorì Montaribaldi". Del
2000 rimangono le ultimissime
bottiglie.

Saluti
Domenico
--
all'home page di Gastarea
http://www.gastarea.com


------------------------------------------------------------
Per cancellarti dalla newsletter rispondi a questo messaggio
inserendo 'Unsubscribe' come oggetto della mail.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl