“Lugoracconta” all’enoteca Enò - Incontro letter ario Sabato 24 ottobre

"Lugoracconta" all'enoteca Enò - Incontro letter ario Sabato 24 ottobre "Lugoracconta" all'enoteca Enò per l'aperitivo Incontro letterario con Luca Ciarabelli e Davide Bacchilega Sabato 24 ottobre alle ore 17 l'enoteca Enò di Lugo (via Magnapassi, 30 angolo via Tellarini) ospita l'incontro letterario con l'autore lughese Davide Bacchilega e lo scrittore ravennate Luca Ciarabelli.

19/ott/2009 09.26.59 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Lugoracconta” all’enoteca Enò per l’aperitivo

Incontro letterario con Luca Ciarabelli e Davide Bacchilega

 

Sabato 24 ottobre alle ore 17 l’enoteca Enò di Lugo (via Magnapassi, 30 angolo via Tellarini) ospita l’incontro letterario con l’autore lughese Davide Bacchilega e lo scrittore ravennate Luca Ciarabelli. Sarà questa l’occasione per presentare al pubblico il romanzo di Ciarabelli “Il bambino che fumava le prugne” (edizione Il Maestrale, 2008).

 

L’incontro si inserisce nella rassegna “Lugoracconta”, organizzata dalla Biblioteca Comunale Trisi e dal Comune di Lugo in vari luoghi della città per tutto il mese di ottobre.

 

Il bambino che fumava le prugne

Da 16 anni e 7 mesi il tenente Bonarroti vive, solo e male integrato, in una Ravenna corrosa nell'umidità che arriva dalle vicine paludi. Dorme pochissimo, anche se in città non succede mai nulla che lo chiami al suo dovere. All'alba fa visita al vecchio pescatore Porfirio (stregone-eremita che abita una baracca sugli acquitrini); passa le giornate in un ufficio dimenticato, in attesa d'uno squillo di telefono che lo sottragga all'afosa immobilità; la sera frequenta corsi di filosofia. Ma un giorno, dopo 16 anni e 7 mesi, la sua vita riceve una scossa, quando viene trovato il cadavere di Asmodeo Baldini, archeologo dilettante. Baldini è precipitato da un'impalcatura eretta nella chiesa di Sant'Apollinare mentre furtivamente era intento a distruggere il mosaico raffigurante il palazzo del re Teodorico. A ucciderlo, però, si scoprirà subito che è stato un misterioso veleno ottenuto dalle prugne. Per il tenente-filosofo - e per il lettore - si aprono allora scenari insospettabili, e un vortice di dicerie popolari e verità storiche. La Ravenna delle basiliche dai soffitti d'oro rivela un sottosuolo popolato da archeologi di dubbia fama, fantomatiche sette segrete, sedute spiritiche che resuscitano epoche lontane. E forse in un passato non recente andrà ricercata la chiave del mistero, attraverso un'insolita e allucinata storia d'investigazione, giocata su una grande ricchezza linguistica e stilistica.

 

L’ingresso all’appuntamento è gratuito.

Per informazioni: Biblioteca Trisi tel. 0545 38556 – 0545 38558

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl