Enoturismo

Enoturismo Dall'Italia alla Spagna, dal Portogallo alla Grecia, l'8 novembre un fil rouge ha unito gli eno-appassionati di tutta Europa: è la "Giornata Europea dell'Enoturismo", promossa da Recevin, la rete europea delle Città del Vino, una vera e propria festa per tutti gli amanti del nettare di Bacco, che sono stati protagonisti di degustazioni e visite guidate nei vigneti, alla scoperta dei prodotti tipici della tradizione europea, lungo le Strade del Vino d'Europa e nelle cantine che hanno aperto le loro porte per l'occasione.

10/nov/2009 10.49.32 girogustando Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dall’Italia alla Spagna, dal Portogallo alla Grecia, l’8 novembre un fil rouge ha unito gli eno-appassionati di tutta Europa: è la “Giornata Europea dell’Enoturismo”, promossa da Recevin, la rete europea delle Città del Vino, una vera e propria festa per tutti gli amanti del nettare di Bacco, che sono stati protagonisti di degustazioni e visite guidate nei vigneti, alla scoperta dei prodotti tipici della tradizione europea, lungo le Strade del Vino d’Europa e nelle cantine che hanno aperto le loro porte per l’occasione. Le città d’Europa unite da “un’unica denominazione”, essere Città del Vino, ovvero mete predilette per chi, per passione, sceglie di mettersi in viaggio alla scoperta degli itinerari del vino del Vecchio Continente.
“La produzione di vino è da sempre un simbolo dell’identità europea nel mondo – sottolinea il presidente delle Città del Vino italiane Giampaolo Pioli – e il lavoro e le conoscenze dell’uomo alla base di questa produzione, hanno contribuito nel corso dei secoli, e contribuiscono ancora oggi, alla costruzione della cittadinanza europea, delle regioni, dei popoli e delle identità nazionali. “ Nasce così la giornata promossa da Recevin, per celebrare il turismo del vino, che, ogni anno, invita milioni di appassionati, ma anche amanti dell’arte e della cultura, della natura e dell’ambiente, a viaggiare alla scoperta dell’identità europea, un’esperienza unica ogni volta, grazie al contatto diretto con i personaggi ed i luoghi dove nascono i grandi vini d’Europa, e dove, di giorno in giorno, un nuovo capitolo della storia e della tradizione europea prende vita.
E se in Italia la “Giornata Europea dell’Enoturismo” si festeggia in Piemonte (a Canelli, Castagnole delle Lanze e San Damiano d’Asti), in Liguria (nel Parco delle Cinque Terre), in Veneto (lungo le Strade del Torcolato e dei Vini di Breganze, del Recioto e dei Vini Gambellara, dei Vini dei Colli Berici e nella Strada del Vino Arcole e del Vino Lessini Durello), in Emilia Romagna (a Bomporto e Monte Porzio Catone), in Toscana (a Montecarlo e Montespertoli), in Campania (a Benevento), in Basilicata (a Viggiano) e in Sicilia (a Zafferana Etnea), con degustazioni in piazza, menu a tema nei ristoranti e cantine, insieme ad un ricco calendario di eventi di ogni tipo, come mostre, convegni, spettacoli e visite guidate nei vigneti e nei musei, con pacchetti turistici ad hoc, in Spagna, ad accogliere gli eno-appassionati, sono le numerose Strade del Vino.

 

http://www.girogustando.it/News-e-Magazine-Enoturismo-10112009.htm

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl