Osteria Teatro Strabacco - Osteria Ristorante Teatro - Cena Dopocena - Ancona e dintorni

23/gen/2010 01.40.24 Seratiamo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'Osteria Teatro Strabacco nasce nel maggio 1978 per volontà di Danilo Tornifoglia, un po’ per gioco un po’ per incoscienza. La voglia di aggregazione di quel periodo la consacra subito a punto di riferimento per tanta gente. Con il tempo questo locale, che rappresenta la prima Osteria moderna di Ancona, ha saputo trasformarsi in ristorante vero, con una grande attenzione alla qualità delle materie prime, alle radici del suo territorio così ricco di prodotti tipici e alla carta dei vini, divenuta ora imponente. Una cucina tipica e regionale che però non rinuncia alla creatività, da non perdere le specialità come le tagliatelle all’ortica con fondute di formaggi o lo stoccafisso all’anconetana. Però Strabacco non ha mai rinunciato alla propria vocazione di rifugio notturno, accogliendo, con tutti i fornelli accesi, gente fino "all'ora del cappuccino". Gli anni hanno reso più vissuti questi ambienti consegnandoli sicuramente alla memoria di chi qui si è fidanzato o separato, laureato o soltanto passato una sera in compagnia di altra gente. Tutto il locale ruota intorno a questa idea fissa, alla voglia di bere e di stare insieme. Non a caso è diventato anche punto di riferimento per tutti quegli artisti (cantanti, attori, musicisti,…) che ospitati nel capoluogo marchigiano erano e sono alla ricerca di un posto accogliente dopo trascorrere le ore successive ai propri spettacoli. Alcuni nomi: Vasco Rossi, Beppe Grillo, Francesco Guccini, Massimo Ranieri, Corrado Guzzanti e tantissimi altri. Il piano terra del locale è, inoltre, adibito a sede della stagione jazz del comune di Ancona, ma anche durante il resto dell'anno le esibizioni si susseguono con estrema frequenza. Qui hanno suonato, fra i tanti, Cedar Walton, Tom Kirkpatrick, John Hicks, Chick Corea, Ray Briant e, insieme ad Enrico Rava, tutti i maggiori jazzmen italiani. Dinanzi al ristorante, l'insonne Danilo ha aperto una nuova cantina, per rendere visibile ai suoi clienti l' intera offerta della carta dei vini e dei distillati. Qui si possono scegliere ed acquistare bottiglie divertendosi fra una carta di oltre 1100 etichette, di cui 14 sono champagne, 32 sono spumanti classici e 83 i vini da dessert sia italiani che stranieri, di cui ben 60 disponibili al bicchiere. Oltre 200 etichette appartengono ai distillati.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl