Ragazzi ungheresi in vacanza a Riccione

14/lug/2010 12.48.46 Flavia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Riccione offre una settimana di vacanza a 20 ragazzi ungheresi dai 12 ai 15 anni provenienti dalle aree del Paese più colpite dalle recenti alluvioni nel giugno scorso.
L’iniziativa di solidarietà, lanciata dalla compagnia aerea di bandiera ungherese Malev Hungarian Airlines, è stata subito raccolta dal Comune di Riccione, dal gruppo alberghiero JustHotels Riccione, che ospiterà a proprie spese i ragazzi e i loro accompagnatori, dalla società Tram Servizi Rimini, dai parchi Aquafan e Oltremare e altri sponsor privati.
vacanza ungheresi a riccioneSi è svolto il 12 luglio in Municipio l’incontro di benvenuto tra i ragazzi ungheresi e i loro accompagnatori. A ricevere i ragazzi il sindaco Massimo Pironi, l’assessore al turismo Simone Gobbi, il direttore della Malev Hungarian Airlines Italia, Michele D’Angelo, il presidente del gruppo JustHotels Riccione, Luigi Battelli.
Il Sindaco ha portato il saluto dellla città: “una comunità di 35 mila abitanti, con un’economia turistica capace di oltre 3 milioni 500 mila presenze all’anno, molto vitale, quindi, ma anche molto attenta ai valori della solidarietà“.
I ragazzi, dal canto loro, hanno ringraziato per questa settimana di vacanza spensierata, che fa dimenticare loro, anche solo per qualche giorno, la devastazione dell’alluvione dei primi di giugno”. “Erano tanti anni che in paese - ha raccontato uno dei ragazzi - non si ricordava una alluvione come questa“.
Sono storie tutte uguali quelle che i ragazzi raccontano, alternandosi ai microfoni del Consiglio comunale: case travolte dalla forza dell’acqua, straripata anche da piccoli corsi d’acqua, normalmente inoffensivi; fognature devastate, impianti elettrici da buttare, migliaia di famiglie evacuate, abiti e mobili portati via dalla corrente attraverso porte e finestre. Storie di paura e distruzione.  “Tanti volontari sono venuti ad aiutarci nei giorni dell’alluvione, ungheresi come noi.  Ma ci ha fatto veramente piacere ricevere aiuto anche da persone e popoli neanche tanto vicine al nostro Paese“.

Riccione ha aderito all’iniziativa di solidarietà lanciata dalla compagnia aerea di bandiera ungherese Malev Hungarian Airlines: una breve vacanza al mare per 20 ragazzi ungheresi di età compresa tra i 12 e i 15 anni colpiti dall’alluvione che ha colpito il nord dell’Ungheria ai primi del giugno scorso .
L’appello della società Malev Hungarian Airlines è stato dapprima raccolto dal gruppo alberghiero JustHotels Riccione che ospiterà gratuitamente i ragazzi e i loro accompagnatori per cinque giorni negli alberghi del gruppo. Il Comune di Riccione, dal canto suo, ha subito aderito all’iniziativa offrendo il proprio patrocinio e attivando una rete di collaborazioni per garantire ai ragazzi la migliore accoglienza in città.
Il progetto è stato quindi fatto proprio dalla società Tram Servizi Rimini, che garantirà le trasferte da Malpensa, dove i ragazzi atterreranno domenica 11 luglio alle 19.40, a Riccione e ritorno, e dai parchi di Aquafan e Oltremare, che regaleranno ai ragazzi due pomeriggi di divertimento puro e meraviglie da raccontare al loro rientro in Ungheria.
Altri sponsor privati che hanno aderito al progetto sono: Spiaggia del Sole 86-87 Riccione, che metterà a disposizione dei ragazzi lettini ombrelloni e servizi per tutta la durata del soggiorno; Italia NyaM Nyam (Prodotti tipici italiani e piadineria a Budapest) che offrirà ai ragazzi il servizio di ristoro e catering all’Aereoporto di Budapest, in partenza e in arrivo; il Consorzio CostaHotels Riccione che metterà a disposizione il servizio di navette su Riccione e entroterra per l’intero soggiorno e tutte le escursioni.ungheresi a riccione
La stessa compagnia aerea ungherese non è nuova a simili iniziative. Infatti, lo scorso anno, in collaborazione con la Protezione Civile italiana, la Malev Hungarian Airlines ha offerto una vacanza a Budapest per 20 ragazzi delle zone terremotate dell’Aquila. L’iniziativa di Riccione si propone, in qualche modo, come ringraziamento all’Ungheria per l’ospitalità offerta lo scorso anno ai ragazzi abruzzesi.
L’iniziativa riccionese è seguita con grande interesse in Ungheria. Infatti, domenica 11 luglio alle 16, all’aereoporto di Budapest, due ore prima della partenza del gruppo, la compagnia Malev Hungarian Airlines ha tenuto una conferenza stampa per illustrare il progetto di solidarietà agli organi d’informazione ungheresi.
L’alluvione che ha devastato il Nord dell’Ungheria, tra la fine di maggio e primi del giugno scorso, in particolare la regione Borsod-Abaùj-Zemplén, ha messo in ginocchio un’intera aerea del Paese: 138 i paesi inondati, 4740 case danneggiate, 454 crollate, 427 evacuate. Alle operazioni di soccorso e salvataggio della popolazione hanno partecipato 21.200 persone tra forze dell’ordine, esercito, protezione civile e volontari. Un ampio piano di aiuti umanitari internazionale ed europeo è stato messo in atto in soccorso delle popolazioni colpite.
I ragazzi, arrivati negli hotel di Riccione domenica 11 luglio in tarda serata, ripartiranno per l’Ungheria sabato 16 luglio nella mattinata. Il programma dei cinque giorni di vacanza a Riccione è riassumibile in tre parole: sole, mare e divertimento. Per allontanare i brutti giorni dell’alluvione, della devastazione e della paura.

Informazioni:
Luigi Battelli, presidente JustHotels Riccione, cell 348 6523833
Michele D’Angelo, direttore Malev Hungarian Airlines Italia, cell 331 6394874

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl