Vacanze a Nanno e Sporminore in Val di Non

Vacanze a Nanno e Sporminore in Val di Non La Val di Non è la più grande valle del Trentino e comprende il lago di Santa Giustina, la catena delle Maddalene con i suoi arcadici paesaggi d'alpeggio, le Dolomiti di Brenta, parte del Parco Naturale Adamello Brenta.

13/dic/2010 09.40.45 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Val di Non è la più grande valle del Trentino e comprende il lago di Santa Giustina, la catena delle Maddalene con i suoi arcadici paesaggi d'alpeggio, le Dolomiti di Brenta, parte del Parco Naturale Adamello Brenta. La Val di Non, giustamente famosa per la coltivazione delle mele, ha tanto da offrire anche sul fronte dello sport e del relax, quindi è meta ideale per trascorrere qualsiasi tipo di vacanza. L'accoglienza turistica è ben organizzata in tutti i suoi graziosi borghi, come i due che qui citiamo a mo' d'esempio.

Se vi recherete per le vacanze a Nanno, antico villaggio che diede il nome ad un'ascia impiegata fino al VII secolo in tutto il Trentino, potrete respirare l'aria buona della montagna sia con tranquille passeggiate tra i meleti (consigliatissime nella stagione di fioritura), sia con escursioni nel Parco Adamello Brenta, che vi regalerà l'emozione del contatto con una natura preservata nella sua integrità e varietà. Interessanti le leggende che ammantano Castel Nanno: una relativa al rogo di tre ragazze presunte streghe, l'altra ad una tragica storia d'amore in cui i due protagonisti, il cui amore era osteggiato dalle famiglie, finiscono murati vivi all'interno del castello.

Sulla sponda destra del Noce, vi attende per le vacanze a Sporminore un grazioso borgo dal quale potrete partire a piedi per passeggiate campestri o più impegnative escursioni verso la montagna. Famoso, e ancora misterioso, "El bus de la spia", una caverna di tipo carsico che è stata più volte esplorata, ma mai è stato possibile scoprire fin dove conduce, a causa di ondate d'acqua che a un certo punto impediscono il proseguimento; c'è chi sostiene che il passaggio arriverebbe fino a Molveno e che sarebbe stato utilizzato in passato durante le guerre.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl