La NATIVE AMERICAN SCENIC BYWAY del South Dakota

La Native American Scenic Bayway è un viaggio dal sud al nord dello stato, per un percorso di 720 km. attraverso cinque riserve native indiane e territori tribali: Standing Rock, Cheyenne River, Lower Brule, Crow Creek e Yankton.

Persone Standing Rock Scenic Byway, Scenic Bayway, Saint Joseph, Peter, Clark, Manuel
Luoghi giungere alla Eagle Butte, Lily Park, Great Sioux Nation, Farm Island, Big Bend, Lake Sharpe, Big Bend del Missouri River, Lower Brule Indian Reservation, Spirit Lake, Crow Creek, St. George's, United States of America, Indiana, North Dakota, South Dakota, Missouri River, Cheyenne, The Valley, Rocky Mountain
Organizzazioni H.V. Johnston Cultural Center
Argomenti music, hydrography, ethnology

26/mag/2011 12.29.15 Uff. del Turismo Rocky Mountain International/Ita Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La NATIVE AMERICAN SCENIC BYWAY del South Dakota: l’unica strada scenografica d’America che attraversa cinque riserve indiane Sioux.

 

Tra le più belle strade da percorrere durante una vacanza Fly & Drive nel South Dakota - USA, una spicca per l’originale opportunità offerta ai viaggiatori d’avvicinarsi alla cultura Sioux. La Native American Scenic Bayway è un viaggio dal sud al nord dello stato, per un percorso di 720 km. attraverso cinque riserve native indiane e territori tribali: Standing Rock, Cheyenne River, Lower Brule, Crow Creek e Yankton.

Si entra direttamente nel cuore della Great Sioux Nation nel centro del South Dakota per un’esperienza della storia e della cultura tribale, in spettacolari paesaggi lungo il Missouri River, tra panoramiche di colline e insenature fluviali ricche di fauna selvatica.

 

Mostra immagine a dimensione interaLungo la strada sono segnalati i memoriali, ci sono insegne interpretative e monumenti che commemorano la storia e la tradizioni dei Lakota e Dakota, mostrando i vari punti di vista sulla storia dei nativi d’America e dei primi pionieri. Uno sguardo in una terra praticamente integra. Questo viaggio è solo una parte dell’incredibile storia degli Stati Unti: storie non solo del passato, ma anche di sogni per il futuro. La strada é transitabile tutto l’anno e dispone di alloggi, ristoro, campeggi, stazioni di rifornimento e percorsi ciclabili. E’ gratuita.

 

 

·         Si parte dal versante meridionale del SOUTH DAKOTA, Chamberlain. Per un approccio ravvicinato alla cultura Nativa si consiglia di visitare l’ Akta Lakota Museum and Cultural Center a Chamberlain, dedicato alla conservazione ed alla divulgazione della cultura Sioux del passato e del presente. Il museo si trova presso la St. Joseph's Indian School for Native American Youth.

·         A soli 30 km. di distanza si trova la Crow Creek Indian Reservation, riserva della tribù Mdewakanton (People of Spirit Lake) e Ihanktonwan (People of the End). Proseguendo lungo la byway a soli 25 km. si incontra la Lower Brule Indian Reservation. Qui vive la tribù dei Lower Brule Sioux, lungo le sponde sud occidentali del Big Bend del Missouri River. Sostando almeno tre ore si visita sia Lake Sharpe sia la diga Big Bend Dam.

·                     A 30 km. a nord si sosta alla Farm Island Recreaton Area: una vera oasi di svago nella natura: il parco lungo le sponde del Missouri River offre una varietà di attività ricreative outdoor: camping, barca, pesca, nuoto e le spiagge del fiume.

·         Proseguendo si arriva alla capitale del South Dakota, Pierre. Da non perdere il tour del Cultural Heritage Center che illustra la storia del South Dakota. Una mostra ampia narra la storia della Great Sioux Nation. Da visitare anche l’edificio State Capitol che é uno dei meglio restaurati negli USA: fu completato nel 1910.

·         Continuando a percorrere la byway si arriva in soli 5 km a Fischer’s Lily Park: luogo storico che commemora l’incontro tra i Teton Sioux e Lewis & Clark. Vicino il sito ove tennero il primo consiglio.

·         Si prosegue per giungere alla Eagle Butte e Cheyenne River Suoix Indian Resrevation: Eagle Butte è il centro della riserva Indiana e l’ H.V. Johnston Cultural Center dispone di un museo ed un gift shop, oltre ad essere il fulcro delle attività locali. Viaggiando sulla  Highway 65, da ammirare il panorama al Cheyenne River Pullout: una vista spettacolare con segnaletica interpretativa illustra la storia della Cheyenne River Valley, inclusa la storia del villaggio del capo indiano Chief Big Foot.

·         A 131 km. di distanza si ergono due monumenti commemorativi alla vita di Sakakawea e Sitting Bull con targhe che ne narrano la storia.

·         Fort Manuel dista solo 40 km. ed è una replica ricostruita in dimensione originale, affacciata sul Missouri River. I fortino ospita un museo che da risalto all’impatto che ebbe il commercio delle pelli e pellicce sui Nativi americani. La visita richiede almeno 3 ore.

·         Ad una quarantina di km. Fort Yates Stockade é l’unico edificio rimasto intatto dalla postazione militare risalente al 1874. Situato nel centro di Fort Yates, consente di provare l’esperienza della vita nella prateria.

La Native American Scenic Byway termina sulle colline a nord della Standing Rock Scenic Byway nel North Dakota: é il punto finale della Native American Scenic Byway, luogo leggendario di riposo dei primi nativi locali, la tribù dei Mandan.

INFO: RMI Italia, Rocky Mountain Int.- www.realamerica.it - e-mail: rockymountain@themasrl.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl