Visitare Londra in 4 giorni

09/giu/2011 15.48.52 Flavia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Avete pianificato un viaggio a Londra di 4 giorni ma avete di non farcela a vedere tutto?
No Problem, armatevi di buona volontà, di una sveglia, di scarpe comode e di tanta voglia di camminare.
Con un itinerario deciso direttamente in loco, nei 4 giorni sarà possibile vedere i luoghi più importanti e caratteristici della metropoli britannica.
Indispensabile con voi la “Tube Map” di Londra, ossia la mappa della metropolitana, comunemente nota come “underground”, ma a Londra si chiama Tube!
Per muoversi con la tube o i bus rossi a due piani è utile acquistare al Oyster Card, una carta ricaricabile che vi scalerà soldi ogni qual volta entrate e uscite dalla metro apponendo la card su un apposito simbolo che contraddistingue la Oyster Card.
Se vi muovete spesso con i mezzi, diciamo che per 4 giorni, il costo del trasporto potrà oscillare dai 20 ai 30 Pounds (sterline).

Il primo giorno  prendete la metro e di scendete a Piccadilly, luogo in cui conviene tornare all’imbrunire o di sera per ammirare le luci dei pannelli pubblicitari.
Per chi ha visitato Times Square di New York diciamo che è pressocchè simile.
Dopo qualche foto proseguire per Carnaby Street, Leicester Square e Trafalgar Square, ottima location per fare uno spuntino sperando nel bel tempo.
Dopo pranzo è d’obbligo, anche se per un salto veloce, alla National Gallery, proprio a Trafalgar Square, per ammirare dipinti di varie epoche… oltre che per un salto alla toilet :-)
L’ingresso è gratuito, ma gradita un’offerta libera.
Non può mancare una passeggiata verso Buckingam Palace con sosta nei parchi vicini per un pisolino sull’erba!
A due passi c’è il London Eye, la ruota panoramica sul Tamigi dalla quale potete ammirare tutta Londra, occhio eprò a chi soffre di vertigini e attenzione alle code che possono esser anche di mezz’ora.
Successivamente andate verso Westminster Abbey, a pagamento, e di li a poco potete ammirare il Big Ben e il Palazzo del Parlamento.
Prendete al volo un battello sul Tamigi (Thames) e arrivate fino a Tower Hill, dove scendete e ammirate anche il fantastico Tower Bridge, simbolo di Londra.
Da qui riprendete la metro, fate un salto ad Hyde Park e poi tornate verso casa per un sano riposo che domani si riparte.

Secondo giorno Camden Town, zona nord di Londra dove si arriva con la linea nera, la Northern, luogo curioso dove regna il punk e tutto ciò che alternativo, non mancano i mercatini e ottimi posti per mangiare e assaggiare piatti di diverse nazionalità.
Dopo pranzo torniamo verso il centro della città e andiamo al British Museum, ingresso gratuito a offerta, dove potrete ammirare i resti degli egizi e delle antiche civiltà.
Sosta al parco per un gelato e scorgere qualche scoiattolo giocherellone.
Non può mancare il giro ai magazzini Harrods, anche solo per guardare visto che i prezzi non sono proprio bassi, ma vala la pena della cura nei dettagli e del design interno.
Verso l’imbrunire cena a Piccadilly, ma non prima di aver fatto un salto a Covent Garden per i mercatini e gli artisti di strada e respirare l’aria di Soho.
Dopo una mega pizza da Pizza Hut, tutti a casa per riprendere le forze.

Terzo giorno, attraversiamo tutta Londra in metro alla volta di Greenwich, spettacolare la overground delle Docklands che passa tra i grattacieli del lungo Tamigi, lo skyline con gli edifici più alti del regno Unito.
A Greenwich si può visitare il Museo Marittimo, gratuito, il Royal Observatory dove passa il primo meridiano, e fare una sosta nei suoi parchi e ammirare un fantastico panorama dei grattacieli di Londra.
Rientro in centro città con il battello sul Tamigi, ma scendiamo a Bankside, dove difronte e noi scorgiamo la cupola di St. Paul, alle spalle la Tate Modern, e nei pressi lo Shakespeare Globe.
Attraversiamo il Millennium Bridge, ponte pedonale che ci porta diretti a St. Paul’ Church, chiesa immensa dove si svolse il matrimonio di Carlo e Diana.
Ci troviamo nella zona di Londra chiamata City, centro finaziario e economico con imamnsi palazzi e tanti colletti bianchi.
Torniamo verso il centro a bordo di un bus e scendiamo a Oxford Street, via che pullula di negozi, centri commerciali e fiumi di gente impegnata nello shopping.
Arriviamo a Marble Arch per qualche foto e poi riprendiamo la metro alla volta di Kensington Palace, il palazzo dove abitava Diana, immersa nel verde e a ridosso dei Kensington’s Garden colmi di giovani che giocano a calcio, bambini con famiglie e turisti che si riposano.
Ci fermiamo nei pressi di High Street Kensington per un boccone, questa zona è particolarmente cara e si vede anche dal tipo di gente che la frequenta, idem Chelsea e Pimlico e zona Victoria Station.
Rientriamo a casa, l’indomani ci aspetta l’ultima mezza giornata prima di ripartire, ma possiamo dire di aver visto tutti i simboli di Londra e tutto ciò che meritava di essere visitato.

Il quarto giorno ci sono due opzioni a seconda dei gusti: Nottigh Hill e Portobello Market che si tiene il sabato, oppure Wembley Stadium e Wimbledon per i più sportivi.
Il primo itinerario è facilemte raggiungibile con diverse linee della tube, la rossa,la gialla e la verde.
Wembley un pò più lunga la strada, trovandosi a Nord, e ci si arriva con la linea marrone e si ovranno fare un paio di cambi per raggiugere la stazione che serve questa linea.
Wimbledon si trova a sud e si raggiunge con la linea verde.
Questa non è una tabella di marcia, perchè io in verità facevo un programma di giorno in giorno a seconda delle zone che mi interessava vedere, nonostante ci fossi già stata oltre 10 anni ben 10 giorni.
In 4 giorni ho rivisto quasi tutto quello che vidi anni fa, avendo più tempo a disposizione consiglierei il castello di Windsor sicuramente e magari qualche altra località immersa nel verde della Gran Bretagna, ad esempio Cambridge che dista solo 1 ora oppure le coste di Dover.
Ma se il tempo è tiranno sappiate che vedere Londra in 4 giorni è possibile, tralasciando magari, ovviamente, i divertimenti notturni.

Have a good trip!

Info utili:

Fuso orario: un’ora indietro rispetto all’Italia
Moneta: Sterlina, si dice Pounds
Fumare: assolutamente NO nei luoghi pubblici al chiuso, ma anche all’esterno possono esserci NO Smoking Area (evitare di buttare le cicche a terra)
Trasporti: Oyster Card (per tube e per bus)
Metropolitana: si chiama Tube o Undergrond ( ci sono tante linee, le centrali sono la rossa (central), la blu (piccadilly), la gialla (la circle) e la verde (district)
Musei non a pagamento: National Gallery e British Museum
Aeroporti: Heatrow (raggiungibile anche con la linea blu della Tube), Stansted (voli Ryanair - circa 60 Km dal centro di Londra), Luton e Gatwick

ps. le prese della corrente son diverse rispetto a quelle italiane, procuratevi dunqua un adattatore specifico!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl