Natura ed ecosostenibilità al centro dell’interesse del progetto Road to Wellness e il bosco protagonista a Chiasso

15/giu/2011 16.31.38 redoffice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Un territorio non contaminato dal turismo di massa tra foreste, prati, colline e vigneti: è l’area italo-svizzera di Varese, Mendrisio e della Costa Fiorita del lago Maggiore. Oggi si può visitare lasciando a casa l’auto e sfruttando i numerosi servizi gratuiti del progetto ecosostenibile Road to Wellness – Territorio per il Benessere, che consentono di conoscere due province splendide e partecipare alle interessanti iniziative del Comune di Chiasso per  l’ ‘anno internazionale delle Foreste’ proclamato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Il 20 dicembre 2006 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione proclamando il 2011 ‘anno internazionale delle Foreste’, per favorire la gestione, la conservazione e lo sviluppo sostenibile delle foreste di tutto il mondo. Il Comune di Chiasso, da sempre impegnato nella cura dei boschi del suo territorio, intende aderire al messaggio di sensibilità ambientale promuovendo un'attività atta a informare e coinvolgere la popolazione sull'importanza delle funzioni del bosco. Nello stesso tempo il progetto di mobilità ecosostenibile Road to Wellness – Territorio per il Benessere favorisce il turismo attivo e sostenibile in provincia di Varese, sulla Costa Fiorita del lago Maggiore e tra i vigneti di Mendrisio perché mette a disposizione servizi gratuiti ed ecologici come il noleggio di biciclette elettriche, locali e ristoranti che ricaricano gratis l’e bike e 80 percorsi nel verde. Promuove inoltre gli spostamenti non inquinanti perché permette di lasciare a casa l’automobile; il trasporto tra gli hotel e i B&B del progetto e le principali stazioni e aeroporti di arrivo e partenza sono infatti garantiti da un pullmino ecologico Road to Wellness.

Il Comune di Chiasso ha elaborato ben due progetti che hanno come protagonisti il bosco e le foreste. Il primo sono i laboratori didattici per le scuole presso il m.a.x. museo (via Dante Alighieri 6, Chiasso); sostenuti dalla Sezione Forestale Cantonale, intendono divulgare le specificità del bosco, da quella di svago a quella di protezione, da quella di importanza naturalistica a quella di didattica ambientale. Il m.a.x. museo propone due tipi di laboratori didattici, uno per le classi delle scuole dell’obbligo e l’altro per i singoli bambini o adulti. Durante i primi, in occasione dell’ ‘anno della foresta’ e su ispirazione del racconto “Il segreto di Devoggio”, si propone di sviluppare attività didattico-creative utilizzando il tema dell'albero e quello della foresta come pretesto di riflessione sul rapporto tra l'identità del singolo e il valore della collettività. Si svolgono nell’arco di 2 ore circa con gruppi scolastici di minimo 15 e massimo 25 allievi. I laboratori didattici per i singoli bambini e/o adulti, da fine giugno a metà luglio, sono invece consigliati per bambini dai 5 anni in su e comprendono l’allestimento del “bosco di carta”, la pausa merenda (al sacco portata dai singoli bambini) e il racconto della favola “Il segreto di Devoggio”. Tutti i laboratori sono tenuti da operatori didattici con certificato del Percorso Formazione Specialistica rilasciato dall’Associazione Bruno Munari.

Il secondo progetto si chiama “La fiaba nel bosco” e si svolgerà dal 27 agosto al 16 ottobre 2011. Coinvolgerà adulti e bambini mediante un’esperienza indimenticabile: un percorso nel verde dei boschi della Rovagina (Comune di Morbio Superiore - Breggia) svolto nelle ore notturne. Durante questa attività didattica e naturalistica la passeggiata e la scoperta della “fiaba” hanno sede nei boschi del demanio forestale della Rovagina, in cui è stato allestito in sicurezza un percorso circolare della lunghezza di 1.300 metri. Con il calare della notte, i gruppi di visitatori  potranno seguire un sentiero lungo il quale sono posti dei teli raffiguranti la fiaba che si illumineranno al passaggio del pubblico, azionati da sensori di movimento. Per ottenere il massimo coinvolgimento, le figure che appaiono come una “lanterna magica” sono di notevole dimensione, da 3 a 10 metri quadrati e alcuni di questi pannelli raccontano come d’incanto la fiaba, scritta dagli allievi della scuola elementare di Arogno. Il percorso, a entrata libera e della durata di circa 45 minuti, potrà essere effettuato solo su prenotazione, in piccoli gruppi di 10-12 persone; “La fiaba nel bosco” è nata dalla collaborazione tra il Comune di Chiasso e i diversi enti che sostengono il progetto: Sezione forestale, Azienda forestale regionale, AGESa, Comune di Breggia, Comune di Arogno, Ente Regionale di Protezione Civile del Mendrisiotto, Eco 2000.

Chi volesse partecipare a questi progetti può soggiornare all’Hotel Mövenpick Touring di Chiasso, una delle strutture Road to Wellness, o scegliere tra una ventina di alberghi nelle vicinanze, aderenti anch’essi al progetto. Tutti si trovano sul territorio italo-svizzero di Varese e Mendrisio e vicino ad almeno tre percorsi percorribili a piedi o in bicicletta, garantiscono il trasporto gratuito da e per le principali stazioni e aeroporti di arrivo e partenza, noleggiano gratis e bike e un GPS Data Logger, offrono servizi aggiuntivi e garantiscono una vacanza indimenticabile tra la Costa Fiorita del lago Maggiore e i vigneti di Mendrisio.

 

http://www.roadtowellness.eu

 

Per info sui progetti del Comune di Chiasso:

info@maxmuseo.ch

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl