Pedalando per le strade del Trentino

18/giu/2011 09.50.01 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Trentino è da sempre terra di ciclismo

La regione ha dato i natali a grandi nomi (Moser, Fondriest, Simoni, solo per citarne alcuni) e tanti altri hanno scelto le sue strade per allenarsi durante l’anno. Ma non ci sono solo i fuoriclasse del pedale, quelli che fanno sognare il pubblico davanti alla tv durante le grandi corse a tappe o nelle classiche più ambite, ma anche tantissimi amatori, coloro che vengono definiti, a volte in termini un po’ sarcastici, “pedalatori della domenica”.

La varietà del paesaggio e dei percorsi permette infatti a chiunque di praticare questa disciplina.

I più esperti ed allenati nel ciclismo su strada potranno confrontarsi con le salite che hanno fatto la storia del Giro d’Italia; gli amanti della mountain bike potranno divertirsi a scoprire percorsi a stretto contatto con la natura, tra pascoli e valli, laghi e torrenti, colline e vette elevate.

Ma l’attenzione delle istituzioni si è concentrata soprattutto verso gli appassionati meno capaci, tramite la creazione di un sistema di servizi che non uguali; una rete vastissima di piste ciclabili, con itinerari diversi e oltre 300 km per scoprire ogni angolo del Trentino, dotati di punti ristoro e della segnaletica adeguata.

Rimane solo da scegliere l’itinerario e programmare il proprio soggiorno.

Volete lanciarvi alla scoperta della Via del Brenta? Cliccate su “Agriturismo Pergine Valsugana” e scegliete il punto d’appoggio più adatto per percorrere gli 80 km di pista che attraversano la Valsugana. Preferite addentrarvi nella luminosa Val di Sole? Prenotate su “Agriturismo Pellizzano” e preparatevi ad affrontare i 34 km che si snodano lungo il fiume Noce.

E ora…Buona pedalata!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl