Una vacanza in Alto Adige

21/lug/2011 10.09.21 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Le Tre Cime di Lavaredo come la mecca dell’alpinismo mondiale, la Val Gardena a spasso di sci o di ciaspole, le mele Alto Adige IGP coltivate con metodi tradizionali e i vini DOC come l’Alto Adige Chardonnay, dal profumo di fiori di campo e di banana. 

E poi parchi naturali come lo Stelvio, gli agriturismi, i masi e le fattorie didattiche, i laghi di Resia e di Dobbiaco, le Cascate di Stanghe, di Riva e di Paracines, le Terme di Merano, un patrimonio dell’Umanità UNESCO come le Dolomiti: eccolo, il Süd Tirolo, un classico per chi ama la montagna, ma che non sa rinunciare alle sorprese. 

Una di queste è senz’altro il Giardino labirinto Tenuta Kränzel, a Cermes, vicino a Merano. Oltre un ettaro e mezzo di corridoi intagliati nella natura, è un progetto in continua trasformazione, tanto che ogni anno diversi artisti del verde scorciano e sforbiciano sculture arboree e floreali: il risultato è magia pura a cielo aperto. Difficile restare delusi da una vacanza in Alto Adige, sebbene la scelta di un alloggio sia sempre e comunque la più ardua e delicata da fare. 

Avventurandosi nel mare magnum di internet, alla voce “hotel in Alto Adige” appariranno infinite le possibilità di soggiorno. Tuttavia, grazie a una classificazione degli alberghi per tipologia e per tema (hotel per famiglie, per disabili, per escursionisti, per ciclisti, ecc.), la ricerca risulterà decisamente più semplice. 

Non resta che decidere il periodo giusto per arrivare sul posto, magari con uno sguardo al cielo e uno allo schermo del pc: basta digitare qualcosa come “meteo in Alto Adige” per aggiornarsi sulle condizioni meteorologiche locali e poi, via! Zaino in spalla o trolley al proprio fianco, finalmente si parte!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl