Comunicato: T. Menino rieletto per la quarta volta sindaco di Boston

Comunicato: T. Menino rieletto per la quarta volta sindaco di Boston

Allegati

25/nov/2005 04.17.37 Ufficio del Turismo Boston & Massachusetts Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA: UFFICIO DEL TURISMO BOSTON & MASSACHUSETTS

 

Thomas Menino si conferma per la quarta volta sindaco di Boston

 

 

Quarto mandato consecutivo per il sindaco italo-americano che ha reso possibile un vero e proprio "Rinascimento" della città

 

    Martedì 8 novembre, Boston: elezioni municipali. Il sindaco uscente Thomas Menino ottiene il         67,5% dei voti e stravince per la quarta volta consecutiva. Al termine del nuovo mandato stabilirà     un record: diverrà il sindaco che ha detenuto la carica più a lungo nella storia della città. Il             segreto del suo successo? Un’instancabile dedizione al lavoro, l’amore per la sua città e una             disponibilità sincera a parlare e confrontarsi con tutti. Il primo sindaco Italo-Americano di Boston     non ha conquistato i suoi cittadini solo con le parole: il suo lunghissimo mandato è coinciso con     un vero e proprio “Rinascimento” della città, che ha fatto di Boston e del Massachusetts un             modello d’eccezione per tutti gli Stati Uniti.

 

    Quando Thomas Menino ottenne il suo primo mandato, nel 1993, la città non era certo  nel suo     momento migliore: la crisi dell’industria pesante, della manifattura e dei trasporti marittimi, gli         assi portanti su cui si reggeva l’economia cittadina, aveva generato uno dei tassi di                         disoccupazione più elevati dell’intero paese, mentre un quarto della popolazione aveva lasciato         Boston e la sua celebre baia versava in uno stato di abbandono totale.

 

    Il sindaco e la sua amministrazione si sono rimboccati le maniche e sono riusciti a ribaltare             completamente la situazione. Grazie anche ai massicci investimenti del comune, l’economia si è     riconvertita al terziario avanzato ed il Massachusetts è diventato, insieme alla California, uno dei due poli high-tech della nazione. Boston è tornata ad essere una città in espansione e la stessa baia è risorta a splendido Parco Nazionale, rappresentando uno degli esempi meglio riusciti al mondo di riconversione di aree dismesse. Il tutto non rinunciando alle garanzie del Welfare ed anzi dove possibile, rendendo più accessibili e capillari gli interventi atti a proteggere e riqualificare le fasce più deboli della popolazione. Nell’era del “bushismo” e della conservazione, Boston ed il Massachusetts costituiscono un vero modello, con la loro incrollabile fede “liberal”, il riconoscimento dei matrimoni gay, la difesa dell’aborto, la cultura della tolleranza e del pacifismo.

 

Durante il suo lungo incarico Thomas Menino ha voluto disegnare una città a misura di tutti: residenti, bussinessmen, giovani famiglie, studenti, anziani, pendolari e turisti. I programmi della sua amministrazione si sono concentrati su una vasta gamma di obiettivi: dall’educazione alla sanità, dalla sicurezza alla riqualificazione dei quartieri alla politica degli alloggi. “Come sindaco io voglio essere sicuro che le persone abbiano i servizi che meritano” ha dichiarato qualche anno fa T. Menino in un’intervista. E i risultati dei suoi sforzi sono stati notevoli. Nell’educazione si è puntato in particolare a migliorare la qualità dell’insegnamento nelle scuole pubbliche. È stato affrontato il problema del cosiddetto digital-divide: il gap culturale che differenzia chi possiede conoscenze informatiche da chi non ce le ha.  Investimenti mirati hanno permesso l’allacciamento ad internet per tutte le Public School, mentre lezioni di informatica e computer gratuiti sono stati forniti alle famiglie meno abbienti. Recenti studi statistici hanno evidenziato come gli studenti delle Public School di Boston ottengano votazioni nettamente superiori alla media nazionale. La prestigiosa rivista Forbes ha riconosciuto Boston, quale la metropoli americana con la migliore educazione pubblica della nazione. Sul fronte della sanità, l’impegno recentemente preso è quello di eliminare le disparità di trattamento dovute alle differenze razziali, garantendo a tutti l’accesso alle strutture mediche ed ai farmaci essenziali. Ed ancora, il programma triennale “Leading the Way” ha permesso un sostanzioso incremento delle unità abitative ed un impegno particolare è stato profuso nello sviluppo dell’edilizia popolare.

 

In questi anni di intensa attività il sindaco ha guadagnato la fama di essere ovunque, la sua presenza si avverte in ogni angolo di Boston, dalla periferia al centro. La sua attenzione verso la qualità della vita dei cittadini si è tradotta in una grandiosa opera di riqualificazione e rivalutazione dei quartieri di tutta la città, chiamata “Beautification of Boston’s Neighborhood”: sono stati ristrutturati e restaurati numerosi edifici pubblici, la superficie dei parchi cittadini ampliata del 25%, ripavimentati più di 150 km di strade e marciapiedi, persino le aiuole sono state rinnovate, abbellite e aumentate. Non dimentichiamoci, poi, che durante il mandato di Menino, Boston ha portato a termine una delle più grandiose opere pubbliche mai realizzate al mondo: Il “Big Dig”, che ha comportato anche l’abbattimento della sopraelevata che tagliava il cuore della città, sostituita con un sistema di tunnel sotterranei lungo più di sei chilometri oltre ad altre numerose opere urbanistiche.

 

Altri 4 anni di mandato attendono ora il sindaco-italo americano e nuovi programmi sono già stati annunciati e precocemente intrapresi. Puntano tutti nella medesima direzione: rendere Boston un città all’avanguardia, proiettata verso il terzo millennio, ma accessibile e vivibile per il maggior numero di cittadini possibile. Lo ha garantito lo stesso Thomas Menino nel discorso sullo Stato della Città di quest’anno: “Preparing our city to achieve its destiny will require strong leadership. I am committed to making our city work for all Bostonians. I know this city. I love this city. And I am prepared to move our city forward”. Ed ancora una volta I bostoniani gli hanno dato la loro fiducia.         

 

 

Uff. Del Turismo Boston & Massachusetts

TOURISM MASSACHUSETTS/ITALY

c/o Thema Nuovi Mondi Srl

Via C. Pisacane, 26

20129 Milano

Tel.: 02/33.10.58.41

Fax. 02/33.10.58.27

E-mail: bostonma@themasrl.it

www.newenglandusa.it

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl