Comunicato: all'Isabella Stewart Gardner Museum di Boston una nuova mostra dedicata al pittore veneziano Gentile Bellini

Allegati

29/nov/2005 05.29.32 Ufficio del Turismo Boston & Massachusetts Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 


Un Veneziano a Boston:

le tele di Gentile Bellini in mostra all’Isabella Stewart Gardner Museum

 

Dal 14 dicembre 2005 al 26 marzo 2006, l’Isabella Stewart Gardner Museum di Boston dedica una mostra al veneziano Gentile Bellini dal titolo “Gentile Bellini and the East”. Il pittore, vissuto nella seconda metà del ‘400, apparteneva ad un’importante dinastia di artisti, tra cui spiccano i nomi del padre di Gentile, Jacopo, del fratello minore Giovanni e del cognato Andrea Mantegna. Se nel corso dei secoli la sua opera è stata oscurata da quella dei più celebri consanguinei, all’epoca in cui visse Gentile era il più rinomato ed acclamato pittore veneziano del suo tempo. Jacopo Foresti, un cronachista bergamasco del XV secolo, paragonava le sue tele per grazia e raffinatezza a quelle dei pittori classici, greci e romani. La sua celebrità era tale che nel 1479 la Serenissima Repubblica lo scelse quale ambasciatore culturale di Venezia presso la corte del sultano Mehmed II, il conquistatore di Costantinopoli.

 

Proprio l’opera di Gentile durante la sua permanenza al servizio del sovrano ottomano è l’oggetto della mostra del museo bostoniano. Ideata, curata e realizzata in collaborazione con la National Gallery di Londra, l’esibizione vuole indagare questo singolare ed affascinante episodio della storia europea: un atto di diplomazia culturale, che sottintende la convinzione degli uomini del Rinascimento di come l’arte possa rappresentare un potente mezzo di comunicazione reciproca e quindi di dialogo. Gentile Bellini non fu solamente un artista curioso ed affascinato dall’esotico, ma fu anche e soprattutto il rappresentante ideale della sua città ed un vettore privilegiato per lo scambio di idee e conoscenze tra Oriente ed Occidente: un ponte gettato tra due mondi in conflitto, ma che si sforzavano di trovare nuovi modi per comunicare e comprendersi.

 

La stessa scelta di Gentile Bellini, il più ricercato pittore della sua città, testimonia dell’importanza attribuita  alla sua missione da parte della Repubblica Serenissima e del fascino che la nascente cultura rinascimentale esercitava sul sultano Mehmed II. L’esperienza del pittore veneziano a Costantinopoli è al contempo  interessante ed attuale perché in un’epoca di conflitti politici e religiosi essa rappresentò un tentativo di sintesi tra tre culture e tre confessioni diverse ed antagoniste: quella veneziana cattolica, quella ortodossa bizantina e quella turca musulmana.

 

La mostra ruota attorno a tre capolavori di Gentile Bellini: Uno Scriba Seduto (1479-81) - parte della collezione permanente dell’Isabella Stewart Gardner Museum -, il Ritratto di Mehmed II (1480) e il Cardinale Bessarione e il Reliquario (1472). Attorno alle tre tele, altri dipinti, disegni e monete di soggetto Orientale completano l’esibizione e testimoniano dell’ampiezza dei contatti  tra Venezia e il mondo islamico e bizantino nel XV secolo. Conferenze, concerti, cene a tema ed altre iniziative culturali di alto livello o di carattere divulgativo costellano il calendario della mostra di appuntamenti stimolanti ed in grado di attirare un pubblico vasto ed eterogeneo.

 

La splendida casa-museo che ospita l’esibizione fa da degna cornice ai capolavori di Bellini. Il palazzo in stile Rinascimentale Veneziano fu ideato e fatto costruire da Isabella Stewart Gardner, una miliardaria bostoniana che raccolse opere pregevolissime durante svariati anni di viaggi in Europa. La sua collezione vanta tele di El Greco, Tiziano, Vermeer, Sargent e dello stesso Belllini, solo per citare alcuni pittori tra i più famosi. La Gardner fu personaggio discusso e trasversale nella Boston di fine ‘800 ed inizi ‘900: frequentava personaggi illuminati, artisti eccentrici, fu musa e committente, nonché animatrice di un salotto “fuori dai canoni puritani”. Sicuramente, le opere di un’artista intellettualmente vivace e curioso come Gentile Bellini non sembreranno fuori luogo tra le mura di un palazzo appartenuto ad una donna intelligente, amante dei viaggi ed attratta dall’”esotico” come la Gardner. Tanto più se queste mura delimitano una struttura familiarmente veneziana! www.gardnermuseum.org

 

Info : TOURISM MASSACHUSETTS ITALIA, c/o Thema Nuovi Mondi - Milano, tel 02.33.10.58.41 - e-mail: bostonma@themasrl.it - www.usamass.com e www.BostonUSA.com , oppure www.newenglandusa.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl