Obereggen da sciare, Nova Ponente da scoprire

Obereggen da sciare, Nova Ponente da scoprire.

Persone Giovanni Paolo II, Santa, Ulrico, Volfango
Luoghi Italia, Monte San Pietro, Nova Ponente, Ega, Pietralba, Sant'Elena, Val di Fassa, Bolzano, Catinaccio, Corno Bianco
Argomenti cristianesimo, sci, strutture turistiche, sport

07/gen/2012 14.38.29 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In Val d'Ega, fra Bolzano e la Val di Fassa, uno dei centri sciistici più rinomati è Obereggen, frazione del comune di Nova Ponente. Impianti moderni e neve garantita nel corso di tutta la stagione grazie ai sistemi di innevamento programmato rendono questa località di soli 900 abitanti a 1.550 m. d'altitudine un punto di riferimento per gli amanti dello sci o del freestyle, e ben collegato al resto del comprensorio Ski Center Latemar, cosiddetto dal nome dell'omonimo massiccio dolomitico che circoscrive l'area. 

Inoltre, gli hotel sulle piste (basta cliccare online “Obereggen hotel”) e il premio ricevuto anche quest'anno dallo Ski-test come miglior centro turistico alpino per le sue piste e la sua neve, rendono Obereggen una località apprezzatissima sia in Italia che all'estero. Accanto alle attività sportive e ricreative della stazione si può – e si consiglia – di approfittare della vicina Nova Ponente per visitarne le diverse chiese e il Santuario della Madonna di Pietralba. Nel centro cittadino si colloca la chiesa tardo gotica dei Santi Ulrico e Volfango, danneggiata da un fulmine alla fine del '700  e da allora caratterizzata dalla cupola a base ottagonale del suo campanile. La piccola chiesa di Sant'Elena è invece un ammirevole scrigno di affreschi gotici ma altrettanto spettacolare è la vista che si gode a mano a mano che ci si avvicina alla chiesetta, grazie al magnifico sfondo naturale dato dal massiccio del Catinaccio. 

Una volta raggiunta la dolce collina su cui sorge la chiesa si diventa spettatori di un panorama incantevole, quello delle folte macchie boschive che ammantano come velluto la Val d'Ega fino alle catene del Sciliar, del Latemar, alla Pala di Santa, alla Rocca e al Corno Bianco. Poco distante, a Monte San Pietro, domina il paesaggio il Santuario Madonna di Pietralba, risalente alla seconda metà del '500, ristrutturato nel '700 in stile barocco e nel 1988 meta di una visita pastorale di Papa Giovanni Paolo II.      

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl