Piste per lo sci di fondo e tracce di storia trentina: Campo Carlo Magno e Vermiglio

Piste per lo sci di fondo e tracce di storia trentina: Campo Carlo Magno e Vermiglio.

Persone Bianca
Luoghi Parco Naturale Adamello Brenta, Madonna di Campiglio, Campo Carlo Magno, Vermiglio, Val di Sole, Isola di Santo Stefano, passo dello Stelvio
Organizzazioni Federazione Italiana Sport Invernali
Argomenti sci, sport

04/mar/2012 11.27.33 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Del comprensorio sciistico di Madonna di Campiglio fa parte il Centro Fondo Campo Carlo Magno, 1.570-1.640 m d'altitudine. Le piste fondo Campo Carlo Magno sono di ottimo livello, tanto che i quattro tracciati presenti sono omologati dalla Federazione Italiana Sport Invernali. Immerse nel Parco Naturale Adamello Brenta, le piste da sci di fondo di Campo Carlo Magno sono ideali per qualsiasi livello di esperienza e di tecnica, libera e classica. 

È dotato di servizi con docce e spogliatoio, parcheggio, bar e ristorante, area bimbi con giochi gonfiabili. Non mancano servizio assistenza, segnaletica e servizio sciolinatura. C'è anche una scuola di sci, la “Malghette”, un centro noleggio di sci e attrezzature per il fondo, oltre a un meraviglioso itinerario per ciaspolade divertenti o romantiche. In Val di Sole un altro centro per il fondo è particolarmente noto ed apprezzato da turisti e sportivi: si tratta del Centro Fondo di Vermiglio. Le piste fondo Vermiglio si dividono in 7 tracciati per oltre 20 Km di neve, da sciare circondati dalle splendide montagne della Val di Sole ma anche dai Parchi Naturali dell'Adamello Brenta e dello Stelvio. 

Vermiglio non è soltanto nota come stazione sciistica di livello, ma anche come centro tipico dell'artigianato locale, in particolare per la produzione di stufe in ceramica. Da vedere la Chiesa di Santo Stefano, del 1215 ma ristrutturata in stile neoclassico nel XVII secolo; il Forte Strino, uno di trenta forti difensivi costruiti dagli austro-ungarici alla fine dell'Ottocento lungo il confine italiano; il Museo della Guerra Bianca, che raccoglie numerose testimonianze e cimeli della prima guerra mondiale combattuta anche qui, in Val di Sole.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl