Carnevale a St.John

Allegati

24/apr/2012 14.55.02 Uff. del Turismo Isole Vergini Americane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
St.John festeggia il carnevale per un mese intero a Giugno: fuochi d’artificio il 4 di Luglio!

 

I viaggiatori scelgono St.John, la più piccola delle isole dell’arcipelago delle Vergini Americane, per le sue spettacolari spiagge, dentro e fuori dal Parco Nazionale, e per le sua acque cristalline. St.John chiamata Love City poiché sprigiona amore, è anche una meta di grande musica, arte, competizioni di corsa e di vela. Ma il mese di Giugno è veramente speciale: dal 1° del mese si celebra il carnevale che dura un mese intero e coincide sia con l’Emancipation Day - Giorno dell’Emancipazione degli schiavi neri africani, lavoratori nelle piantagioni di canna da zucchero - sia con l’Independence Day degli Stati Uniti d’America. lI fulcro delle attività è a Cruz Bay ed i traghetti che fanno la spola tra St.Thomas e St.John viaggiano a pieno ritmo e carichi di gente.

 

 

 Le attività festose coinvolgono abitanti e turisti con musica, parate e deliziosi piatti caraibici, concerti di steel-pan, esibizioni in costume delle bellezze locali, spettacoli di musica Calypso. Il Carnevale è una celebrazione vivace e di divertimento, per tutti, grandi e piccini, locali e visitatori internazionali. L’apice della festa è il 3 e 4 di Luglio, ed include l’apertura del  Festival Village & Cultural Day (Emancipation Day) e termina con J'ouvert, un party al mattino presto del 4 Luglio, quando la gente si raduna nelle stradine del villaggio di Cruz Bay ed inizia a danzare sfilando dietro alle varie band musicali, seguiti da una parata festante e dai numerosi spiritelli sui trampoli - i moko jumbies  con vestiti variopinti che si esibiscono in danze tra la gente. La sera conclude la festa con uno spettacolo pirotecnico sul pittoresco porticciolo di Cruz Bay.

Il Carnevale è una della espressioni non solo musicali, bensì culturali, più importanti nella regione dei Caraibi. 'Everybody love de Carnival, No don't stop de Carnival, Do as you like, but leave my Carnival, All West Indians love their Carnival, Everybody bound to have their fun, No rain at all can stop de Carnival, Not even hurricanes can stop de Carnival because all de Creole de love their Carnival.' E’ un vero e proprio festival che celebra la libertà con la danza, i canti, le parate, le sfilate, i costumi, la musica e tutta la cultura gastronomica locale, con bevande e cibarie. La notte le band musicali sembrano non voler mai smettere di suonare insieme ai musicisti locali. E’ una vera esplosione delle tradizioni che gelosamente si tramandano di anno in anno, da generazioni. E’ l’apoteosi di tradizioni europee ed africane che si miscelano in una grande festa di majorettes,  mocko jumbies ed un assortimento di costumi meravigliosi che volteggiano al ritmo sfrenato della musica, emanando una magnifica energia ed uno spirito vitale che si rinnova di anno in anno. Calypso e Pan Music stanno ai Caraibi come il baseball sta agli Stati Uniti d’ America. Suonatori e cantanti di calypso competono annualmente per il titolo di Calypso Monarch. Gli artisti sono giudicati per abilità nel canto, creatività e capacità sul palco così come nei brani lirici di Calypso. Anche i bambini competono per il titolo di miglior junior  Calypsonian. Gli spettacoli di Calypso si accompagnano ad altri di musica: la Latin night, le esibizioni di  steel pan, i concerti di gruppi musicali locali nel village e le bande che suonano per tutto il J’ouvert. Anche la gastronomia gioca il suo ruolo: pesce fritto, frittelle jonny cakes, gamberi, patè di manzo e di pesce, zuppa kalaloo, stufato di tamarindo, torte al mango, ananas e maubi, ed i succhi di frutto della passione e di frutta fresca tropicale in assortimento con altre delicatezza caraibiche.  La Food Fair é un evento da non perdere: basta addentrarsi tra i banchetti e la tavolate e comperare le pietanze esposte ed offerte dai cuochi, ristoratori e venditori locali, dalle associazioni e dalle parrocchie. A questi banchi s’uniscono quelli degli artigiani: dalle bambole fatte a mano, alle iguana di pezza, agli abbeveratoi di noci di cocco per gli uccellini, tele ed acquarelli, collane, ceramiche e decorazioni. Il grand opening del Carnival Village vede il taglio del nastro in una cerimonia ufficiale con le autorità, il Governatore delle Virgin Islands e la neo eletta Carnival Queen.

 

 

INFO: UFFICIO TURISMO ISOLE VERGINI USA - c/o THEMA NUOVI MONDI Srl -

www.isoleverginiusa.it - usvi@themasrl.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl