Sulle tracce del Diavolo delle Dolomiti

25/apr/2012 12.13.19 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Pera di Fassa è una frazione del comune di Pozza di Fassa, a circa 100 km a nord ovest di Trento, in Val di Fassa. Pera è nota soprattutto per un personaggio che qui trovò i suoi natali: Tita Piaz, il celebre “Diavolo delle Dolomiti”, uno dei più grandi alpinisti italiani della prima metà del secolo scorso. Tita Piaz, all'anagrafe Giovanni Battista Piaz, nacque a Pera di Fassa nel 1879 e già a vent'anni compì imprese clamorose: salì in solitaria la Punta Emma, un'azione unica per l'alpinismo praticato all'epoca, un qualcosa di eccezionale e che avrebbe svelato nuove strade e nuovi traguardi all'alpinismo. Tita Piaz infatti aprì almeno una cinquantina di nuove vie. 

Per esempio, fu il primo ad immaginare e quindi a realizzare un collegamento fra la torre Winkler e il Campanile Basso. Ancora, compì nel 1906 quella che venne definita la “scalata più difficile delle Alpi” al Campanile Toro, quella “più celebrata” alla torre occidentale del Totenkirchl nel 1908 e “l'arrampicata più pericolosa” sulla punta nord-orientale dello Schenon nel 1926. Ecco perché venne soprannominato il “Diavolo delle Dolomiti”: coraggio, abilità, talento fuori dal comune ne fecero un alpinista precursore dei tempi e delle opportunità alpinistiche già agli inizi del '900.

Gli appassionati di alpinismo estremo potranno ricalcare i passi di Tita Piaz sulle cime del Catinaccio e delle Torri del Vajolet, mentre gli amanti dell'escursionismo ad alta quota potranno raggiungere Cima Undici e Cima Dodici, Valle San Nicolò, gli anfratti di Sass del Peredarfech. Se poi Pera di Fassa è una nota meta sciistica per il fondo e le ciaspolade, non mancano attrazioni adatte specialmente per i bambini, come il Parco giochi sulla neve Park Bimbo Neve. Ma come mai Pera di Fassa si chiama così? Il suo nome deriva dal latino petra (pietra), in ragione di un'enorme massa rocciosa franata nel centro storico della località nei pressi dell'albergo Rizzi, oggi diventato patrimonio delle Belle Arti.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl