A Giugno la settimana del Gay Pride a Boston

A Giugno la settimana del Gay Pride a Boston A Giugno la settimana del Gay Pride a Boston Sabato 3 Giugno inizia la 36sima edizione del BOSTON PRIDE WEEK con la bandiera ufficialmente issata al Boston City Hall a mezzogiorno.

25/mag/2006 15.17.00 Ufficio del Turismo Boston & Massachusetts Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 A Giugno la settimana del Gay Pride a Boston

 

Sabato 3 Giugno inizia la 36sima edizione del BOSTON PRIDE WEEK con la bandiera ufficialmente issata al Boston City Hall a mezzogiorno. La marcia inizia a Copley Square sulla Boylston Street con un momento di assoluto silenzio. La parata poi continua verso la Clarendon Street puntando verso la Tremont Street per girare sulla Berkeley ed avanzare sulla Chales Street: tutte le vie centrali della Boston chic in stile vittoriano e della tradizione dei Bramini Bostoniani. Il luogo più famoso ove si domina l’intera parata è l’incrocio tra la Clarendon e la Tremont, in pieno quartiere South End. La settimana si conclude con il Boston Pride Block Party sabato 11 Giugno. Questo è l’evento Gay Pride più grande di tutta la regione del New England.

 

Nella città più antica e forse considerata anche la più puritana d’America, si svolge un festeggiamento che per lo Stato del Massachusetts altro non è che dayly life. Infatti per coloro che non lo sapessero, il Massachusetts è l’unico Stato degli USA che dal 2003 ha esteso alle coppie dello stesso sesso il diritto al matrimonio, aprendo così le porte alle prime unioni della nazione tra appartenenti allo stesso sesso. Fu la Corte Suprema a dichiarare incostituzionale il divieto alle coppie gay di sposarsi.  Lo stesso giorno della sentenza, P-Town, vezzeggiativo di Provincetown - il gay-village di Cape Cod, diede il via ai matrimoni legalizzati tra gay e lesbiche.

 

Ma lo stato è aperto non solo a questo appuntamento di Giugno che offre eventi, parate, musica, passeggiate, festival, celebrazioni religiose e feste private. Sempre durante lo stesso mese si svolge l’Annual Boston Gay & Lesbian Film/Video Festival, durante il quale si proiettano lavori di gay e lesbiche sia di Boston che di altri paesi del mondo. Inoltre l’Annual AIDS Walk Boston - inaugurata nel 1983 dall’AIDS Action Committee of Massachusetts, è un’occasione per raccogliere fondi e divulgare informazioni per bloccare l’epidemia HIV/AIDS. Il Provincetown Film Festival, infine, mette in onda filmati di giovani talenti gay: s’incontrano registi ed attori alle prime dei film, si partecipa a conferenze e workshop nella destinazione Americana considerata il primo resort gay d’America.

 

Uno sguardo veloce ad alcune pietre miliari della storia per l‘emancipazione di gay e lesbiche in quel del Massachusetts. Nel 1969 nasce il Boston Chapter delle Daughters of Bilitis (DOB), un’affiliata della famosa associazione nata negli anni ’50 per difendere i diritti delle lesbiche. Oggi, la sede di Cambridge è l’unica sopravissuta in tutti gli USA. La Homophile Union of Boston (HUB) è creata a giugno dello stesso anno con l’intento di promuovere il rispetto per gli omosessuali e di informare le persone sull’omosessualità e sulle discriminazioni che i gay debbono affrontare. Nel 1974 Elaine Noble vince un seggio nella House of Representative dello stato: è la prima volta che una persona apertamente gay viene eletta ad un ufficio pubblico. Nel 1977 il Boston Chapter of the National Organization of Women (NOW) istituisce la Lesbian Rights Task Force. E l’anno successivo si forma la Boston Gay Community Racism Taks Force per combattere la segregazione razziale all’interno della comunità gay. Sempre a Boston nel 1969 nasce la prima Asian Gay Men and Lesbian, il primo gruppo asiatico omosessuale in nord america. Nel 1980 il sindaco dell’epoca Kevin White, crea la Boston Commission Against Discrimination. Il primo grande AIDS rally si svolge nel 1983 a lume di candela a Faneuil Hall a Boston: si radunano 800 persone. Nello stesso anno, la Boston Police crea un contatto per la comunità gay e lesbica. Nel 1984 Il sindaco Flynn bandisce la discriminazione per le preferenze sessuali nei criteri per l’assegnazione degli impieghi pubblici e nei servizi municipali, mentre il Boston City Council approva un’ordinanza cittadina che proibisce lo stesso tipo di discriminazione sul lavoro e per la casa. Nel 1992 Ken Reeves, il primo gay Afro-Americano a fare outing, è eletto sindaco di Cambridge. L’anno successivo il governatore dello Stato del Massachusetts Weld approva una legge che proibisce la discriminazione basata sull’orientamento sessuale nelle scuole pubbliche: è la prima legislazione di questo tipo negli USA. Infine dopo la causa allo Stato nel 2001 da parte di alcune coppie di gay e di lesbiche, la Corte Suprema decide nel Novembre 2003 d’approvare il matrimonio tra persone appartenenti allo stesso sesso. Nel 2005 viene lanciato il magazine Boston Spirit, la prima pubblicazione free dedicata alla comunità gay e lesbica di Boston. www.bostonspiritmagazine.com  

 

Uff. Del Turismo Boston & Massachusetts

TOURISM MASSACHUSETTS/ITALY

c/o Thema Nuovi Mondi Srl

Via C. Pisacane, 26

20129 Milano

Tel.: 02/33.10.58.41

Fax. 02/33.10.58.27

E-mail: bostonma@themasrl.it

www.newenglandusa.it

www.usamass.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl