Yacht Haven Grande: la nuova marina di Charlotte Amalie, St. Thomas.

31/ott/2006 10.30.00 Uff. del Turismo Isole Vergini Americane Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Yacht Haven Grande: 200 Milioni di $ per una nuova marina a Charlotte Amalie, Isola di St.Thomas.

 

Il trendsetter nello sviluppo di marine per imbarcazioni da diporto è decisamente il nuovo Yacht Haven Grande nella capitale delle Isole Vergini Americane, Charlotte Amalie, sull’isola di St.Thomas. Lo charme di Charlotte Amalie attira visitatori e turisti da tutto il mondo che vi giungono anche con yacht privati, navi da crociera, oppure in aereo. Colline di color verde smeraldo punteggiate da case bianche e color pastello, il blu delle acque marine circostanti, con barriere di corallo e pesci tropicali sono irresistibili per turisti e yachtmen. Negli ultimi anni mega yachts, barche da pesca e imbarcazioni per passeggeri sono aumentate sensibilmente nel porto di St.Thomas, o per estendere il soggiorno crocieristico o per assaggiare le delizie dei Caraibi. Il trend è stato studiato e valutato dalla compagnia Island Capital Group LLC di New York che ha deciso di cavalcare l’ambiziosa trasformazione di una proprietà ben nota a St.Thomas, affacciata sul porto, per renderla una destinazione di target altissimo per il lifestyle odierno, con una marina state-of-the-art, ristoranti, shopping di lusso, uffici e 12 esclusivi appartamenti. Tutto ciò si trova ora alla fase uno, con apertura annuciata entro fine 2006. Infatti la fase uno riguarda lo sviluppo della marina e di un ristorante che inaugurano a Novembre 2006. La fase due include un albergo di 70 camere, ulteriori negozi e ristoranti, un parco a tema acquatico ed un centro conferenze.

Il layout della marina dispone di 4877 metri lineari di capacità complessiva per ancoraggio ed include due componenti distinte: una indirizzata ai mega yacht, e l’altra ai tradizionali yacht. Il bacino per i mega yacht offre flessibilità per caratteristiche diverse, tra le quali 24 attracchi tra gli 24 ed i 30 metri, dock che consentono l’ancoraggio di imbarcazioni fino a 250 piedi, sistemi di sicurezza, fornitura carburante, capacità di fornitura elettrica e, possibilità di ancoraggio separato per consentire ai proprietari di barche ed agli ospiti un livello esclusivo come richiedono.

Non si tratta di un super parking lot per grandi imbarcazioni da diporto: è un prototipo di marina che Andrei Farkas, presidente of Island Global Yachting spera di poter costruire nei Caraibi e nel mondo. La cerimonia d’inizio lavori fu festeggiata nel Marzo 2004: si annunciò il più grande bacino per yacht esistente al mondo, un vero sigillo per le Isole Vergini USA che potrebbe automaticamente 300 Milioni di dollari. La promessa fu di una marina capace di ospitare imbarcazioni oltre i 122 metri. La marina appare quasi terminata vista la data d’inaugurazione fissata a metà Novembre 2006. Già s’intravedono i colori pastello dei vari edifici. Il progetto ha avuto il suo decorso, in tempo per segnare il passo con lo sviluppo del trend mondiale del business dello yachting. E’ infatti un vero e proprio boom che registra ordini per yacht oltre i 30 metri. Si calcola un incremento pari al 21% nel 2006.

Island Capital Group, la società che sviluppa Yacht Haven, è un’azienda merchant banking specializzata in immobili. La sua sussidiaria Island Global Yachting fu scelta per sviluppare e gestire 40.000 attracchi di barche a Dubai ed attualmente sta già lavorando per altre destinazioni quali St.Martin, St.Lucia, Tortola, Le Bahamas, Messico e Grecia.

Il lungomare di St.Thomas ospita mega yacht ogni mese di Novembre fino alla fine dell’alta stagione, nonché durante uno dei più grandi mercati del settore che si svolge annualmente ogni Novembre.

La prima fase dei 13 ettari di marina aprirà quest’inverno offrendo 50 attracchi per yacht dai 24 ai 140 metri. Una dozzina di appartamenti sono pianificati in apertura per la prossima primavera 2007 ed i prezzi sono fissati a partire da 1.9 Milioni di dollari: cinque di questi sono già stati venduti.

La seconda fase è prevista nell’autunno 2007-2008 con altri 110 attracchi per yacht più piccoli, di 12 fino a 20 metri, e 70 camere per un boutique hotel.

Gli esperti dubitano che gli appartamenti verranno acquistati dai proprietari degli yacht che generalmente preferiscono rimanere a bordo delle proprie imbarcazioni, ma il mondo dello yachting attira visitatori d’alto rango che desiderano avere una casa; queste facilitazioni abitative si venderanno automaticamente a St.Thomas, ad un passo del continente USA.

I servizi ricreativi saranno disponibili anche alle crew delle imbarcazioni: una mossa intelligente poiché è proprio la crew che decide dove deve andare la barca quando non c’è il proprietario a bordo.

Le barche diventano sempre più grandi, ma non le marine le cui costruzioni risalgono ad una ventina d’anni fa. Si stimano almeno 7.000 yacht di lusso che solcano i mari del mondo, che i proprietari definiscono semplicemente “barche”. Gli yacht di lusso partono da almeno 24 metri ed è un mercato in forte espansione: è una nuova espressione di gratificazione all’ego. Paul Allen, co-fondadotore di Microsoft, possiede Octopus di oltre 122 metri, ma un principe saudita ne ha fatto costruire uno di 500 piedi, a Dubai.

Il mercato degli yacht di lusso ha triplicato dal 1997. In media negli USA il valore si aggira sui 40 Milioni di dollari, ma esistono barche che ne valgono 100 ed oltre. Gli ordini aumentano e ci sono ditte che ne contano almeno 688. L’italia è il paese leader nella costruzione di queste imbarbaczioni e ne detiene la palma. Nel 2005 le aziende italiane hanno costruito 260 yacht per una misura media sui 35 metri. In America invece si calcolano 85 progetti di circa 38 metri l’uno. Solo pochi mesi fa un costruttore italiano di navi da crociera vinse un contratto per un’imbarcazione a motore di 130  metri  per un proprietario ancora “segreto”. Di questa barca già si dice che sarà la seconda più grande al mondo di proprietà privata tra gli yacht moderni disponibili al mondo, solo dopo  il Larry Ellison's "Rising Sun", solo 4 metri più corta di una nave della  Seabourn Cruise Line',  in grado di trasportare  208 passeggeri e 160 membri dell’equipaggio.

Ma è certamente il mercato americano quello più effervescente poiché gli americani tendenzialmente sono i maggiori properiatri di yacht di lusso. I Miliardari sono presenti in gran numero.

Showboats International afferma che le barche a motore di 46 metri o quelle più lunghe sono aumentate del 15% per arrivare a 188 nel 2006, confrontate con le 113 nel 2005. Per concludere con le parole di due grandi autori americani: “Il vero ricco è differente da me e da Te “ , affermò F.Scott Fitzgerald, al quale fece eco Hemingway: “Si, hanno più denaro !”

I proprietari degli yacht cercano l’esperienza, non un semplice attracco: questa è la risposta delle Isole Vergini USA. www.yachthavengrande.com

The Residences al Yacht Haven Grande offre una straordinaria esperienza, unica come in nessun altro luogo ai Caraibi. La caratteristica della bellezza isolana di St.Thomas ed al contempo di vita urbana offrono infatti per i proprietari degli appartamenti: shopping favoloso, ristoranti gourmet e casual, spazi eleganti per uffici, servizi world-class ed esclusivi privilegi solo ai 12 residenti, per mangiare, acquistare oppure semplicemente trascorrere una giornata a bordo dello yacht a pochi passi dal proprio appartamento.
L’architettura neoclassica coloniale mixata con scalinate in stile Art Deco dagli intricati decori in ferro battuto, verande al secondo piano, tettoie che riparano dal sole e tetti rossi sono il richiamo ai temi usuali dell’isola e del paesaggio caraibico.

Ogni appartamento di 180 metri quadri dispone di una zona con tre ampie camere da letto e bagni con finiture in materiali di altissima qualità: piani di granito, legno massiccio e ceramiche. Al secondo e terzo piano si allineano eleganti boutique e ristoranti. I residence possono contare su un’entrata privata servita da un ascensore. Il prezzo per una di queste residenze in territorio statunitense è di circa 2 Milioni di $. La vista dagli appartamenti è incomparabile: 360 gradi di panorama sul più grande porto naturale dei Caraibi, con vedute su Water Island, Hassel Island e l’incredibile scenografia della marina e degli yacht. 

 

 

 

 

 

 

Info: Uff. Promozione Turismo US Virgin Islands, c/o Thema Nuovi Mondi Srl - Via C.Pisacane, 26 - 20129 Milano - Tel:02.33.10.58.41 - usvi@themasrl.it - www.usvitourism.vi-

 www.isoleverginiusa.it

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl