BIKE, UNA PASSIONE CHE TOCCA TRE PAESI

14/apr/2009 10.56.17 Studio Eidos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Passo Resia. In bicicletta con il passaporto. 185 km di percorsi per gli amanti delle due ruote tra Italia, Austria e Svizzera. E un itinerario ciclabile di oltre 360 km per bike e mountain bike, che unisce i paesi del Consorzio.
BIKE, UNA PASSIONE CHE TOCCA TRE PAESI
Strutture specializzate per bikers. Dal 4 luglio al 13 settembre 2009 pacchetto “3 Paesi per Ciclisti”.

“Settimana fun-sport” e “Settimana attiva nella natura” per chi ama una vacanza all’insegna dell’attività sportiva. Pacchetti tutto divertimento e convenienza per le famiglie.

Passaporto nello zaino e tanta energia nelle gambe. Estate è sinonimo di bicicletta in Alta Val Venosta: 185 km di sentieri tracciati attendono gli amanti delle due ruote con itinerari che si snodano tra Italia, Austria e Svizzera. Si pedala tra le montagne dell’Alto Adige immersi nelle distese di frutteti, addentrandosi in cittadine medievali, castelli e monasteri, per passare in Austria, nel Landeck tra ponti sul fiume Inn, fortezze, chiese e in Svizzera in Bassa Engandina tra sorgenti e tradizionali luoghi di cura. Campo base le località di Resia, Curon, San Valentino e Vallelunga, da cui si parte al mattino e si fa ritorno la sera con tour in gruppo e bus-navetta o seguendo itinerari solitari utilizzando autobus e ferrovia. Per chi vuole continuare a pedalare il Comprensorio offre un itinerario ciclabile di oltre 360 km per bike e mountain bike.
Strutture specializzate per i bikers propongono dal 4 luglio al 13 settembre 2009 il “Pacchetto 3 paesi per ciclisti”. Una settimana in hotel con trattamento mezza pensione da 489,00 euro, in garni da 309,00 euro, in appartamento per due persone da 500,00 euro.

Tra i frutteti da Resia a Merano - Può spaventare la lunghezza, ma il percorso è semplice perché in piano e in discesa su un dislivello di 1.110 metri. Si snoda su una distanza di 83 km l’itinerario che porta da Passo Resia a Merano in un susseguirsi di sorprese. Si parte dal lago di Resia al cui centro svetta il campanile trecentesco per arrivare al Monastero Monte Maria sopra Burgusio, un’abbazia benedettina del 1200 a 1.340 metri d’altezza. Da qui ci si sposta verso Glorenza, uno dei maggiori esempi di città murata rimasti e che un tempo rappresentava il passaggio delle merci tra Italia, Germania e la Svizzera. Un passaggio a Lasa, la cittadina del marmo bianco e poi un giro per i castelli, da Castelbello circondato da alberi di mele e albicocche al Castello Juval di Reinhold Messner a Naturno, dove si trova una preziosa collezione d’arte etnica. Un’ultima lunga discesa e si arriva a Merano: ad attendere gli avventurosi bikers le rilassanti Terme progettate da Matteo Thun.

Dalla sorgente dell’Adige al Landeck -Un itinerario costellato di castelli e fortificazioni, che unisce Italia e Austria in un percorso ciclabile di 56,5 km su un dislivello in discesa di 615 metri e di 100 metri in salita. La partenza è sempre Passo Resia e la prima immancabile tappa è la sorgente dell’Adige, a 1.550 metri d’altezza, per assaggiare le fresche e cristalline acque del secondo fiume d’Italia. Dopo 5 km si incontra Nauders, nell’Alta Valle del fiume Inn, con la Fortezza e il Castello di Naudersburg. Si prosegue quindi per Pfunds con le sue vecchie case dalle facciate affrescate per arrivare a Tosens, dove si attraversa un ponte romano e si incontra la chiesetta di San Giorgio, un edificio tardogotico della seconda metà del XV secolo. Ancora qualche chilometro e si avvista il Turm Sigmundsried a Ried: un complesso fortificato voluto nel XV secolo dal duca Sigismondo, ma che conserva ancora la torre di una precedente fortezza del XIII secolo. Il Pontlatz a Prutz, teatro di sanguinosi combattimenti, è la tappa che porta alla meta, Landeck con il suo castello voluto dai principi tirolesi e diventato sede di un museo di storia locale e la rovina del castello di Schrofenstein.

In bici con il passaporto - Un itinerario breve, che si snoda per 45 km raggiungendo tutti e tre i paesi: si parte dall’Italia, si tocca l’Austria e si arriva in Svizzera. Importante quindi mettere nello zaino il passaporto, che deve essere mostrato quando si travalica la frontiera elvetica in Bassa Engadina. Il punto di ritrovo è sempre Passo Resia, dove si inforca la bici per dirigersi alla volta di Nauders e raggiungere la frontiera a Martina, per raggiungere Strada e poi Scoul. La fatica del viaggio, decisamente insidioso con un dislivello di 423 metri in discesa e 305 in salita, viene ripagata alla vista del centro wellness e acquapark Engadina Bad Scuol, che si affaccia sul Parco Nazionale Svizzero della Bassa Engadina. Poco lontano Vulpera, un’altra località rinomata per i suoi centri di cura termale attivi da oltre 125 anni e con sorgenti declamate già da Paracelsus, alchimista e medico svizzero del Rinascimento. Qui, oltre ad approfittare delle preziose acque, si può visitare il castello di Tarasp del 1.040, che custodisce uno splendido organo a 2.500 canne usato ancora oggi per i concerti pubblici.

Pacchetti su misura per sportivi e famiglie - Per gli amanti dello sport dal 15 giugno al 28 luglio 2009 “Settimana fun-sport” con un escursione guidata in alta montagna, un giorno di kite-surf, uno di rafting sul fiume Inn, un’escursione guidata in mountain bike e un pomeriggio nel giardino a fune. Per sette giorni in hotel con mezza pensione da 539,00 euro, in garni da 349,00 euro, in appartamento per due persone da 699,00 euro. Dal 19 luglio al 2 agosto 2009 la “Settimana attiva nella natura” offre un giro in battello sul lago di Resia e tre escursioni: in alta montagna con spuntino tipico, nordic walking e in bici per la valle. In hotel con mezza pensione da 449,00 euro, in garni da 279,00 euro, in appartamento per due persone da 529,00 euro. Da metà luglio a metà settembre 2009 divertimento e convenienza per le famiglie con un pacchetto speciale che comprende una gita in carrozza trainata dai cavalli, un massaggio per i genitori e visita ad un maso per i bambini. Sette giorni in hotel con trattamento mezza pensione da 1.449,00 euro, in garni da 819,00 euro, in appartamento per due persone da 619,00 euro.

Info: Associazione Turistica Passo Resia, tel. 0473.633101 www.passoresia.it info@passoresia.it  

Ufficio Stampa: Studio Eidos di Sabrina Talarico, tel. 049.8910709 www.studioeidos.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl