CHIARE, FRESCHE E TERMAL LE ACQUE DI MERANO

21/mag/2009 14.57.49 Studio Eidos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alto Adige. Terme Merano sfrutta le proprietà salutari dell’acqua al radon, grazie alla sorgente di Monte San Vigilio.
CHIARE, FRESCHE E TERMALI: LE ACQUE DI MERANO
L’idroterapia ispirata a Rambo: l’idrojet, un benefico massaggio con l’acqua secondo il metodo Kneipp.

Passeggiare a Merano lungo il Passirio, tra aiuole in fiore e sculture naturali.


Se si volesse cercare un elemento naturale per rappresentare Merano, questo potrebbe essere l’acqua. L’acqua impetuosa e fredda che scorre nel letto del fiume Passirio e che divide in due il paese, lungo la quale si snodano le più belle passeggiate di Merano. L’acqua salutare che si ritrova nelle piscine di Terme Merano, nuovo centro benessere e punto nevralgico per la gente del posto e il turismo.
Ma soprattutto l’acqua termale al radon di Monte San Vigilio, utilizzata nei trattamenti terapeutici delle Terme per i suoi effetti benefici.

Bagni al radon – L’acqua minerale di Monte San Vigilio viene utilizzata a Merano per scopi terapeutici fin dagli anni Sessanta, proprio perché ricca di radon. Le ultime rilevazioni indicano infatti che la quantità di radon presente nell’acqua di Monte San Vigilio è di 481 Bequerel per litro. L’acqua al radon svolge un’azione sedativa e analgesica, sia sul sistema nervoso centrale che su quello periferico, favorisce la circolazione grazie alla dilatazione dei vasi sanguigni, ha un effetto positivo sulle allergie, in quanto leggermente desensibilizzante nei confronti di alcuni antigeni.
Per tutti questi motivi l’acqua al radon si ritrova in alcune delle piscine di Terme Merano, in particolare in due vasche: una dedicata alla terapia e una agli esercizi. Tra i trattamenti terapeutici particolarmente indicati sono i bagni al radon in vasca singola che prevedono un ciclo di più sedute (15 minuti, 21 euro).

Inalazioni al radon – Un’altra proprietà dell’acqua al radon è la sua azione benefica sulle vie respiratorie che si sfrutta attraverso le inalazioni. All’interno del centro inalatorio delle Terme, ad assistere i pazienti durante i trattamenti, c’è il dottor Salvatore Lo Cunsolo, direttore sanitario delle Terme Merano specializzato in idrologia medica.
Particolarmente indicate per le infiammazioni croniche delle prime vie aeree, sono le inalazioni a getto di vapore. Il getto è diretto, individuale, caldo e umido, e al boccaglio di uscita si ottiene una fitta nebbia di particelle d’acqua alla temperatura di 38° C (durata: 10 minuti, 12 cure consigliate, a carico del Servizio Sanitario Nazionale).
Ideale per le bronchiti croniche è invece l’aerosol. L'acqua fuoriesce in forma di goccioline minutissime alla temperatura di 30°C, raggiungendo così le parti più lontane dell'albero respiratorio (durata: 10 minuti, 12 cure consigliate, a carico del Servizio Sanitario Nazionale).
Infine è possibile effettuare la doccia nasale micronizzata. Si tratta di un’immissione a pressione nelle fosse nasali di acqua termale nebulizzata, costituita da grosse particelle acquose, ideale nelle sinusiti croniche (10 minuti, 10 euro, 12 cure consigliate).

Una curiosità nel campo del benessere: l’idrojet – Parlando di idroterapia, non si può non citare tra i trattamenti delle Terme Merano l’idrojet. Ricorda lontanamente una scena di un film di Rambo: il massaggiatore, posto ad una certa distanza, bagna con un getto d’acqua potentissimo,  prima caldo e poi freddo, tutte le parti del corpo, secondo il metodo Kneipp. Il trattamento, tutt’altro che una tortura, è altamente attivante e rassodante, ideale per rilassare la muscolatura, distendere e stimolare la circolazione (12 minuti, 19 euro).

Passeggiata lungo il Passirio – In estate la Passeggiata lungo il Passirio è un vero e proprio toccasana per il relax. Si parte dal centro del paese e si segue il percorso del fiume, ascoltandone il suono, ammirando le sue continue anse e i vivaci balzi da un sasso all’altro. E così senza accorgersene, tra aiuole fiorite e sculture realizzate con le piante, si raggiungono la Passeggiata d’inverno e la sua parallela Passeggiata d’estate, che costeggiano ancora il Passirio, da una riva e dalla sua opposta. Da lontano già si intravede il suggestivo Ponte Romano, costeggiato da una natura florida e rigogliosa, mentre si entra nella Passeggiata Gilf, che più in alto si collega alla famosa Passeggiata Tappeiner.
Proprio lungo il Passirio sorge l’Hotel Aurora****, una delle numerose strutture partner di Terme Merano (da 91 euro a notte a persona in camera doppia con trattamento di mezza pensione).
Info: Terme Merano, www.termemerano.it, tel. 0473.252000.


Ufficio Stampa Studio Eidos di Sabrina Talarico, tel. 049.8910709 www.studioeidos.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl