I tesori sotterranei della Sardegna

Si sale poi verso Domusnovas lungo la strada che attraversa le grotte di San Giovanni a quelle di Su Mannau presso Fluminimaggiore.

28/ago/2009 16.47.54 Angela Casula Betogo.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

La bellezza del mare e delle spiagge della Sardegna è nota a tutti, però non tutti sanno che la Natura è stata molto generosa anche con la creazione di bellissime grotte.
Le grotte sono dislocate in tutto il territorio, andando da sud a nord le prime si trovano nella zona del Sulcis Iglesiente (grotte di Is Zuddas a Santadi, di 1650 m).
Si sale poi verso Domusnovas lungo la strada che attraversa le grotte di San Giovanni a quelle di Su Mannau presso Fluminimaggiore. Verso il centro dell'isola si puo' fare tappa a Sadali, dove si possono visitare le grotte di Is Janas sviluppate per circa 350 metri (il percorso e' interamente visitabile e proseguendo verso le famose grotte di Su Marmuri a Ulassai (ben 900 metri), interamente aperte al pubblico.
Nel nord della Sardegna si trovano le grotte piu' celebri. Sul versante occidentale sono visitabili le grotte di Nettuno, a circa 25 km da Alghero. Per raggiungerle, oltre che via mare, si puo' scegliere di percorrere la suggestiva scalinata di circa 650 gradini lungo il costone roccioso del promontorio di Capo Caccia, e si arriva cosi' all'ingresso naturale delle grotte.Le grotte sono visitabili per 250 metri, ma si sviluppano per ben 2.500. Si prosegue dunque verso Dorgali, per ammirare le splendide grotte di Ispinigoli (di quasi 9.000 metri) ma soprattutto quelle del Bue Marino. Le grotte del Bue Marino hanno una lunghezza di ben 16.000 metri, sono raggiungibili soltanto via mare.Questo e' un sintetico itinerario attraverso le principali grotte della Sardegna, che permette di scoprire alcune mete spesso piu' trascurate rispetto alle grosse attrazioni turistiche lungo le coste, ma che sono dei veri e propri gioielli del sottosuolo.
La natura con un lavoro millenario ha espresso tutta la sua infinità creatività creando delle opere d’arte, dei tesori che custodisce gelosamente , la loro visita sorprende e affascina anche il visitatore più distratto.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl