Contributo di bonifica: dialogo aperto in Toscana sui fabbricati ex rurali

Contributo di bonifica: dialogo aperto in Toscana sui fabbricati ex rurali COMUNICATO STAMPA (con preghiera di pubblicazione e diffusione) Contributo di bonifica: dialogo aperto sui fabbricati ex rurali Il presidente dell'Urbat, Fortunato Angelini, ha incontrato ieri i rappresentanti di Cia e Coldiretti Firenze, 4 dicembre 2009 - Dialogo aperto fra Urbat (l'associazione dei Consorzi di Bonifica della Toscana), Cia e Coldiretti sul pagamento del contributo di bonifica relativo ai fabbricati ex rurali.

04/dic/2009 16.49.32 etaoin media & comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA
(con preghiera di pubblicazione e diffusione)
 
 

Contributo di bonifica: dialogo aperto sui fabbricati ex rurali

Il presidente dell’Urbat, Fortunato Angelini, ha incontrato ieri i rappresentanti di Cia e Coldiretti

 

Firenze, 4 dicembre 2009 – Dialogo aperto fra Urbat (l’associazione dei Consorzi di Bonifica della Toscana), Cia e Coldiretti sul pagamento del contributo di bonifica relativo ai fabbricati ex rurali. Questi immobili, un tempo considerati rurali (quindi con rendita zero e esonerati dal pagamento del contributo di bonifica) e poi iscritti al Catasto come fabbricati a seguito di frazionamenti, ristrutturazioni o successioni nella proprietà, devono infatti pagare il contributo di bonifica, come previsto dalla normativa vigente. Cia e Coldiretti chiedono invece un esonero in tutti i casi in cui, nonostante le variazioni avvenute negli immobili o nella loro proprietà, questi fabbricati siano tuttora sfruttati per usi collegati al lavoro agricolo.

Ieri, il presidente dell’Urbat, Fortunato Angelini, ha incontrato in merito i responsabili regionali di Cia e Coldiretti. «Abbiamo avviato un dialogo sull’argomento – spiega il presidente dell’Urbat, Fortunato Angelini -  ma la questione, essendo di carattere generale e normativo, deve essere affrontata in un’ottica più ampia, a livello nazionale. Dopo aver dato la nostra disponibilità a trovare una soluzione condivisa, ci siamo dunque dati appuntamento a Roma, per un incontro nazionale sull’argomento».  L’appuntamento è già fissato per la seconda settimana di gennaio.

Il contributo di bonifica viene richiesto annualmente a ogni consorziato secondo l’entità del beneficio che il suo immobile riceve dall’attività dei Consorzi di Bonifica, come prevede la legge. Il contributo tiene conto: dell’indice idraulico (variabile da zona a zona) e dell’indice economico calcolato in funzione della rendita catastale dell’immobile urbano o del reddito domenicale dei terreni. Il contributo trova la sua fonte normativa nell’art. 860 del codice civile, negli artt. 17 e 59 del R.D. 13.2.1933 n. 215 nonché nell’art. 16 della L.R. Toscana n. 34 del 5.5.1994. Il contributo, essendo dovuto a un Consorzio obbligatorio, è interamente deducibile dal reddito in occasione della denuncia annuale.

Per informazioni: www.urbat.it.

 

Grazie per lo spazio che potrete darci e a presto,

 
 
etaoin media & comunicazione
Ufficio stampa Urbat
www.etaoin.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl