SANREMO 2010: NINO D'ANGELO tra i Big con "JAMMO JA'"

Qui inoltriamo la biografia di Nino aggiornata ad oggi Per le foto ufficiali, vi preghiamo di farcene richiesta all'indirizzo info@danielemignardi.it ------------------------------------------------------------------------------------ NINO D'ANGELO Gaetano D'angelo, in arte Nino, nasce il 21 giugno 1957 a San Pietro a Patierno, quartiere periferico di Napoli.

18/dic/2009 19.06.21 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Vi comunico che la mia struttura, Daniele Mignardi Promopressagency, curerà l’ufficio stampa di Nino D’Angelo anche in occasione della sua partecipazione al Festival di Sanremo 2010.

La promozione radio e televisiva sarà seguita, invece, come sempre per Nino, da Paola Pezzolla.

 

Qui inoltriamo la biografia di Nino aggiornata ad oggi

Per le foto ufficiali, vi preghiamo di farcene richiesta all’indirizzo info@danielemignardi.it

 

------------------------------------------------------------------------------------

 

NINO D’ANGELO

Gaetano D’angelo, in arte Nino, nasce il 21 giugno 1957 a San Pietro a Patierno, quartiere periferico di Napoli. Cantautore, attore per il Teatro e per il Cinema, produttore discografico e teatrale; apprezzato da critica e pubblico per la sua poliedrica “anima artistica”, è oggi dei più conosciuti rappresentanti della cultura partenopea.

 

Primo di sei figli, padre operaio e madre casalinga, Nino D’Angelo comincia ad intonare le prime canzoni sulle ginocchia del nonno materno, grande appassionato di musica napoletana: ben presto, inizia a partecipare ai festival di voci nuove diventando, in breve tempo, uno dei cantanti della “Galleria Umberto” di Napoli.

 

Nel 1976, grazie all’aiuto della famiglia, Nino riesce ad incidere il suo primo 45 giri, dal titolo “’A storia mia (’O scippo)”, il clamore è tale che la canzone diventa una sceneggiata, a cui ne seguiranno altre di successo (tra cui, “L’onorevole”, “’E figli d ’a carità”, “L’ultimo Natale”)

Il primo approccio col Cinema avviene agli inizi degli anni ’80: il debutto è con la pellicola “Celebrità”; il grande successo arriva con i film “Lo studente”, “L’Ave Maria” e “Tradimento e Giuramento”.

 

Nel 1981 Nino D’Angelo scrive uno dei suoi più grandi successi, “Nu Jeans e ‘na Maglietta”, “madre di tutte le canzoni neomelodiche”, che lo consolida come uno degli artisti più rivoluzionari della nuova Canzone Napoletana. La canzone diventa un album, che vende più di un milione di copie, ed un film, che al botteghino incassa più di “Flashdance”!!! Il successo dilaga e la sua immagine con il “caschetto” diventa l’emblema di tutti i ragazzi dei quartieri popolari del sud.

 

Nel 1986, quasi “a furor di popolo”, la sua prima partecipazione al Festival di Sanremo con la canzone “Vai” ed il primo, vero contratto con un’importante casa discografica, la “Ricordi”. Ancora cinema con alcuni film che “sbancano al botteghino”: “Uno scugnizzo a New York”, “La ragazza del metrò” e “Popcorn e Patatine”, tra questi.

Il “fenomeno Nino D’Angelo” varca anche i confini nazionali con una serie di tournée all’estero.

 

Il 1991 è l’anno in cui Nino D’Angelo avverte la necessità di un “cambiamento”, di un nuovo percorso artistico: è un passaggio molto difficile nella carriera di Nino, da tutti considerato solo per il “caschetto”, per i film di grande successo e per i milioni di dischi venduti. Con dispiacere dei tanti suoi vecchi fan, l’artista taglia la chioma bionda ed inizia a scrivere canzoni non più basate solo su storie d’amore, ma anche di vita quotidiana.

Vengono cosi pubblicati album con contenuti molto diversi rispetto al passato: “E la vita continua” (1991); “Bravo ragazzo” (1992); e “Tiempo”, nel 1993, il meno venduto di certo ma il più apprezzato dalla critica, che comincia ad occuparsi anche dei contenuti sociali delle sue canzoni, e sicuramente considerato dallo stesso artista “il disco della svolta”.

 

Arrivano i primi riconoscimenti al nuovo percorso artistico: Roberta Torre, allora regista emergente, presenta al Festival di Venezia, “La vita a volo d’angelo”, trasposizione cinematografica della storia di Nino; un anno dopo, la stessa cineasta gli propone di realizzare la colonna sonora del suo primo lungometraggio, “Tano da morire”, che vince diversi premi, tra cui gli ambìti “David di Donatello”, “Globo d’oro”, “Ciak d’Oro” ed il “Nastro d’Argento”.

 

Alla soglia dei quarant’anni, con “’A nu pass’ d’a città”, Nino opera l’ennesima svolta artistica, la più complessa, quella che gli permette d’ora in poi di coniugare la melodia popolare con le sonorità ai confini del jazz e della musica etnica, la canzone napoletana con un certo tipo di “world music”.

 

Nel 1998, con Piero Chiambretti, Nino conduce il “Dopofestival” a Sanremo, dove l’anno dopo torna come cantante (“Senza giacca e cravatta” è la bellissima canzone in gara).

Intanto, il Cinema “non musicale” lo scopre come attore e gli affida ruoli in “Paparazzi”, “Vacanze di Natale 2000” e Tifosi” (in cui recita con Diego Armando Maradona) e, nel giugno 2000, Nino gira “Aitanic”, parodia del famoso kolossal che lo vede debuttare anche nel ruolo di regista.

 

In teatro si dedica alla riscoperta di Raffaele Viviani proponendo “L’ultimo scugnizzo”, per il quale riceve il “Premio Gassman”. Nell’autunno del 2001 esce l’album “Terra Nera”, molto apprezzato dalla critica e tra i più venduti dell’anno.

 

Nel 2002 Nino partecipa al Festival di Sanremo con la canzone “Marì”, che verrà inserita anche nella compilation “La Festa” per festeggiare i suoi 25 anni di carriera.

 

Ad aprile è nel cast del film di Pupi AvatiIl cuore altrove”: come attore non protagonista, Nino conquista il “Premio Flaiano”. In estate, gli viene assegnato il “Premio Fregene per Fellini” per la colonna sonora del film “Aitanic”.

 

Nel 2003 partecipa di nuovo a Sanremo con la canzone “’A Storia ‘e nisciuno” e, in maggio, esce l’album “’O schiavo e ’o rre”. Anni dopo, interpreta ancora Raffaele Viviani nelle commedie teatrale “Guappo di cartone” e “Zingari” e partecipa al “Golden Stag Song Festival” di Brasov in Romania, Paese dove è primo nelle hit-parade musicali con “Senza giacca e cravatta”.

 

A febbraio del 2005, Nino presenta al “Museo della Canzone Napoletana” l’album “Il ragù con la guerra”. In dicembre, torna al “Teatro Augusteo” di Napoli con il musical autobiografico, dal titolo “Core Pazzo”: riscuote un tale successo che le repliche vanno avanti sino al maggio dell’anno dopo.

 

Nel 2006, viene nominato direttore artistico del “Teatro Trianon Viviani” di Napoli, che, grazie al suo lavoro, in poco tempo mette in piedi stagioni esaltanti e diventa il punto importante di aggregazione culturale non solo per il quartiere di Forcella (dove si trova) ma per tutta la città!!! Nino torna sul set come attore per il primo film diretto dal figlio Toni, dal titolo “Una Notte”.

 

Gioia Nova” è l’album pubblicato nel 2007, che trae ispirazione dalla nascita della prima nipotina: segue una tournée teatrale in tutta Italia di grande successo.

 

Nel 2008, nominato direttore artistico della “Festa di Piedigrotta”, Nino invita in Piazza del Plebiscito a Napoli Sophia Loren e Josè Carreras, e tanti altri artisti per una festa che resta memorabile e che riscuote un successo internazionale, con il suo concerto conclusivo davanti (nonostante la pioggia) a più di 50mila persone (nella stessa piazza, in estate, Nino D’Angelo era stato tra gli ospiti del concerto-evento di Pino Daniele).

 

Sul finire dell’anno, Nino realizza il progetto che aveva in mente da anni: “DangelocantaBruni”, ossia il disco e lo spettacolo teatrale tributo al grande artista Sergio Bruni. Successo di pubblico e di critica: un’altra sfida vinta…

 

Dicembre 2009, Nino D’Angelo torna alla sceneggiata al Teatro Trianon, omaggiando Mario Merola con il classico “Lacreme Napulitane”.

 

Al suo fianco, Maria Nazionale, cantante ed attrice (tra i suoi film, “Gomorra”) da sempre stimata da Nino e che, in diverse occasioni, aveva dichiarato di voler lavorare con lui.

 

Samremo 2010, Nino D’Angelo presenta “Jammo Ja’”, canzone-manifesto del Meridione.

 

 

Partecipazioni di Nino D’Angelo al Festival di Sanremo:

 

1986 “Vai”

1999 “Senza Giacca e Cravatta”

2002 “Marì”

2003 “A Storia ‘e nisciuno”

2010 “Jammo Ja’”

 

 


DanieleMignardi promopressagency
Via G.Nicotera, 29
00195 ROMA  Italy
tel/fax  +39 6 32651758 (5 linee) r.a.
info@danielemignardi.it
skype: daniele.mignardi

on web: www.danielemignardi.it

Il trattamento dei suoi dati viene svolto all'interno del nostro ufficio,
nel rispetto di quanto stabilito dal Decreto Legislativo n. 196/2003.
Le nostre comunicazioni (comunicati stampa, informative, rettifiche, ecc.)
le vengono inviate per la sua utile attività giornalistica, nell'ambito dei
media, e non sono da considerarsi oggetto di "spamming".
Nel caso le dovesse giungere una serie di una stessa comunicazione, la
preghiamo di segnalarcelo.
In qualsiasi momento, potrà chiedere la modifica dei propri dati o,
addirittura, la cancellazione scrivendo all'indirizzo sopra indicato, se non
ritenesse di sua pertinenza le nostre comunicazioni.

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl