Il Gruppo BPU Banca coinvolge AGS per la Pratica Elettronica di Fido

Il Gruppo BPU Banca coinvolge AGS per la Pratica Elettronica di FidoMilano.

27/dic/2004 12.21.00 multimedia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Milano.Il Gruppo Banche Popolari Unite ha progettato e reingegnerizzato
l'intero processo di richiesta fidi. La soluzione, denominata PEF (Pratica
Elettronica di Fido), ha visto il coinvolgimento di AGS S.p.A. (Advanced
Global Solution), l'azienda di consulenza ICT, leader nelle soluzioni per
il mercato Finance. Una soluzione innovativa che, nelle intenzioni del settimo
Gruppo bancario italiano, nato nel luglio 2003 dalla fusione dei gruppi
Banca Popolare di Bergamo C.V. e Banca Popolare Commercio e Industria, mira
all'aumento dell'efficienza del processo di gestione di tutto il ciclo di
vita delle pratiche di affidamento, grazie all'automazione delle relative
procedure.

Il sistema PEF di Banche Popolari Unite consente di gestire in modo automatizzato
l'iter della pratica, attraverso procedure istruttorie e raccolte documentali,
assicurando l'individuazione dell'Organo interno con il più adeguato livello
di delibera e accelerando, così, i tempi di risposta al cliente. È ormai
chiaro, infatti, che l'attenzione al cliente è determinante anche nel settore
bancario, dove l'incremento dell'intensità competitiva è la conseguenza
dei processi di acquisizione, integrazione e, quindi, concentrazione del
settore. Il progetto, partito nel mese di settembre 2004, ha visto il pieno
coinvolgimento del dipartimento ICT di Banche Popolari Unite, guidato da
Gianfranco Lorusso, con il supporto di Gianmario Lesmo, Responsabile del
Servizio Sviluppo Applicativi.

"La soluzione - spiega Gianmario Lesmo di Banche Popolari Unite - ha consentito
la rivisitazione del processo di affidamento indirizzandolo verso una soluzione
perfettamente integrata con il sistema informativo aziendale, capace di
ridurre i costi di gestione e di aumentare l'efficacia del processo medesimo".
"La PEF, inoltre, - dichiara Maurizio D'Alessio, Responsabile Marketing
& CRM di AGS ? si poggia su una ricca base dati che alimenta un puntuale
e dinamico sistema di reporting".

In pratica, a partire dall'apertura di una proposta, il sistema inizia una
raccolta strutturata di informazioni, qualitative e quantitative, relative
al soggetto richiedente, ai suoi garanti e a tutti i collegati. A questo
punto, si attiva il processo di validazione e di scoring a cui segue l'individuazione
automatica dell'Organo deliberante in grado di autorizzare il fido. Parallelamente,
la procedura crea un cruscotto a uso Direzionale per il monitoraggio e un
ricco set di report statistici, personalizzabili e comprensivi di funzioni
di schedulazione temporale. Da sottolineare, infine, che tutte le informazioni
sono automaticamente integrate con le applicazioni bancarie esistenti e
con fonti informative finanziarie esterne. Il nuovo sistema PEF sarà a breve
operativo sui principali centri di responsabilità di BPU Banca e sarà via
via esteso a tutte le realtà bancarie del Gruppo, forte dei suoi 1.200 sportelli.


"Il Gruppo BPU Banca, quindi, - come sottolinea lo stesso Gianfranco Lorusso
- grazie al fondamentale contributo dell'Information Technology conferma
il suo approccio proattivo al mercato e il suo impegno nell'innovazione
dei processi e dei servizi offerti al cliente, impegno che va oltre la mera
risposta all'integrazione delle attività del Gruppo originata dalle operazioni
di fusione".


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl