Centopercento Italiano: Made in Italy ‘a tolleranza zer o'

19/gen/2010 23.27.24 ali-comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Consorzio Centopercento Italiano 
Vicolo del Piscetto 6/8, Scandicci (FI) 50018
Tel. 055/0516551-2-3-4, fax 055/7351410 
 

 

Si inoltrano i comunicati stampa diffusi ieri in occasione dell'incontro tra i giornalisti e il consorzio Centopercento Italiano per la presentazione delle strategie 2010 a salvaguardia del Made in Italy.

L'intera cartella stampa (contentente anche tutti i dati relativi al consorzio, la sua consistenza, la sua storia) è scaricabile cliccando su http://www.ali-comunicazione.com/centopercentoitaliano_cartellastampa.zip!

SINTESI:
Il Made in Italy è uno dei temi centrali dell’attuale dibattito ! sullo stato di salute e sul futuro della nostra economia. E’ anche uno dei pilastri del sistema economico ed occupazionale toscano.

In teoria tutti vogliono difendere il Made in Italy, ma nei fatti sono pochi quelli che lo praticano senza eccezioni e con rigore assoluto.

Centopercento Italiano, il consorzio con base a Scandicci (FI) che raccoglie oltre 70 imprese artigiane e industriali di ogni parte d’Italia e di tutti i settori produttivi,  è stato il primo ed è  l’unico a fare della difesa del Made in Italy un imperativo quotidiano, sia pratico che etico. A questo scopo ha individuato una strategia di tutela della produzione nazionale basata su 5 pilastri

1) Lotta alla contraffazione. 

2) Tracciabilità del prodotto. 

3) Esaltazione della “cultura” legata al prodotto. 

4) Convergenza delle azioni di tutela. 

5) Rimodulazione del distretto industriale.

Questi costituiranno le linee guida dell'attività del consorzio per il 2010.

A disposizione per qualsiasi integrazione o chiarimento saluto cordialmente e auguro buon lavoro,

daniela mugelli

*************************

COMUNICATO STAMPA 1|2010 

“Tra il dire e il fare”: numeri, idee, proposte e programmi 2010 di chi il Made in Italy lo pratica tutti i giorni e per davvero

Il Consorzio Centopercento Italiano presenta le sue strategie per la difesa a oltranza di un “Made in Italy a tolleranza zero”. Basata su cinque “pilastri”. 

Il tema del Made in Italy, che sull’onda della crisi e della concorrenza delle economie emergenti da mesi infiamma il dibattito sul futuro delle nostre imprese, è basato su un fondamentale equivoco: cosa può dirsi realmen! te “fabbricato in Italia”? Si può considera! re itali ano il prodotto realizzato all’estero da aziende italiane? O quello realizzato in Italia da aziende straniere, per esempio cinesi? O quello fatto nel nostro paese, ma con materiali e qualità finale inferiori agli standard tradizionali impliciti in qualcosa di marchiato “Made in Italy”? E ancora: si può definire tale ciò che nasce senza il rispetto delle basilari norme di tutela del lavoro e dei lavoratori?

Dipendono anche dalla risposta a questi interrogativi sia la natura e il contenuto dei provvedimenti che si invocano a difesa delle nostre produzioni artigianali e industriali, sia le strategie da mettere in atto per il sostegno del prodotto nazionale sul mercato globale.

Secondo il Consorzio Centopercento Italiano - l’associazione con sede a Scandicci che, facendo leva sul sistema pellettiero toscano, riunisce oggi oltre 70 imprese nei diversi settori di eccellenza - non ci sono dubbi: “Il marchio made in Italy può e deve rappresentare unicamente prodotti realizzati in Italia, da imprese italiane, con tecniche, gusto, design, know how italiani e nel rispetto delle norme che nel nostro paese tutelano la dignità e la qualità del lavoro di chi produce”, dice il presidente Andrea Calistri.

Per questo la politica alla quale il Consorzio intende d’ora in poi improntare la propria attività è quella del “Made in I! taly a tolleranza zero”: no a trucchi, alchimie, ambigui! tà ;, triangolazioni. “Non esiterei a indicare i soci del consorzio come gli ultimi difensori del Made in Italy, i paladini dell’italianità totale in cui deve identificarsi un marchio così prestigioso”, che va tutelato con n’azione basata su cinque “pilastri”: lotta alla contraffazione, tracciabilità del prodotto, valorizzazione del prodotto, convergenza di azioni, rimodulazione del distretto industriale”.



COMUNICATO STAMPA 2|2010 

Consorzio Centopercento Italiano: i cinque “pilastri” per la difesa a oltranza di un “Made in Italy a tolleranza zero” 

Nessun compromesso, nessuna ambiguit&a! grave;. È questo il messaggio lanciato dal Consorzio Ce! ntoperce nto Italiano mentre annunci! a la sua strategia 2010 a difesa del Made in Italy. Una strategia intransigente, basata su cinque pilastri. “Non esiterei a indicare i soci del consorzio come gli ultimi difensori del Made in Italy, i paladini dell’italianità totale in cui deve identificarsi un marchio così prestigioso”.

Eccoli, i cinque pilastri:

1)     Lotta alla contraffazione. È la prima e più immediata esigenza. Combattere la contraffazione consente di arginare la concorrenza illegale e lanciare ai contraffattori un messaggio preciso: esi! stono delle leggi che vengono fatte rispettare, senza eccezioni né adattamenti.

2)     Tracciabilità del prodotto. È il postulato di ogni seria lotta alla contraffazione. Rendere “tracciabile” il Made in Italy consente di ricostruire a ritroso tutta la “storia” dell’oggetto attraverso le tappe della filiera produttiva: dalla materia prima ai canali della distribuzione. Solo la capillarità dà reale efficacia ai controlli.

3)      Esaltazione della “cultura” legata al prodotto! . È il passo successivo e superiore alla propa! ganda: d iffondere presso il consumatore, e in generale presso l’opinione pubblica, la consapevolezza del valore intrinseco del prodotto che acquista, valore dato non solo dalla sua utilità diretta e dal marchio, ma dalla storia, la capacità, la tradizione di chi lo realizza e che ne giustifica, attraverso la qualità, il costo.

4)     Convergenza delle azioni di tutela. Per produrre il massimo degli effetti per efficacia e durata, occorre che le azioni di difesa e valorizzazione del Made in Italy siano coordinate e convergenti, facciano parte cioè di una medesima strategia.

5)     Rimodulazione del distretto industriale. Occorre progettare una nuova ingegneria di rete produttiva che riesca a massimizzare il sapere diffuso sul territorio e metterlo a sistema tra le imprese, generando un ciclo virtuoso di miglioramento e aumentando così la capacità della rete stessa di stare sui mercati mondiali. Un sistema di interrelazioni tra imprese che azzeri le differenze dimensionali ed abbia contemporaneamente funzione di ‘ottimizzatore’ di rete produttiva da una parte e ‘incubatore’ di nuove idee e nuove proposte aziendali dall’altra.

 

**********************************************
ali editoria & comunicazione srl | firenze/siena
infoline >> 0577 892927 | 0577 700043 | press@ali-comunicazione.com
**********************************************
Informativa per il trattamento dei dati personali legge 196/2003.
Questo comunicato, inviato agli operatori dell'informazione e a una lista selezionata di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale né contenuti osceni.
A norma della legge 675/96 abbiamo reperito la sua e-mail di persona o navigando in rete o da e-mail che l'hanno resa pubblica. Questo messaggio non  può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii. Qualora non intenda ricevere altre comunicazioni, la preghiamo di inviare una email vuota con oggetto: cancella. Grazie

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl