LE IMPRESE NELL’EPOCA DELLA TRANSIZIONE Cresce la centralità della comunicazione e delle relazioni interpersonali.

21/gen/2010 11.05.05 Winner (TS) Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato Stampa

LE IMPRESE NELL’EPOCA DELLA TRANSIZIONE

Cresce la centralità della comunicazione e delle relazioni interpersonali.

 “Chi ci ascolta è cambiato”: questo il titolo del corso di formazione  manageriale proposto dalla Winner che si è svolto, nei giorni scorsi , presso la sede della Società Udinese. Presenti imprenditori e quadri di aziende manifatturiere, di servizi sanitari, di associazioni d’imprese e di studi professionali, l’incontro ha permesso di analizzare, di discutere e di prefigurare nuove strategie comunicazionali per rafforzare posizioni di leadership e di mercato nell’attuale epoca di transizione. Una delle conseguenze delle situazioni di crisi socio-economiche è rappresentata da una situazione di incertezza personale e di preoccupazione nei confronti dell’avvenire che porta a posizioni isolazioniste, di diffidenza nei confronti della solidarietà, di nuove scelte di stili di vita che riflettono l’autoconvincimento di una retrocessione sociale. Il tutto si traduce in un diverso approccio che le persone e le imprese hanno tra loro e nei confronti degli interlocutori. Questo determina la necessità di individuare nuove metodologie di comunicazione per rimanere efficaci e superare gli empasse derivanti dal clima psicologico imperante. “Dovremo fare allenamento – ha affermato Gianluca Burigana, Amministratore di Euroinox – ma le nozioni apprese possono rappresentare quel plus necessario per dare nuove sicurezze e confermare innovativamente vecchie e nuove teorie, oggi necessarie per cimentarsi con successo su un mercato che diminuendo di dimensione è aumentato invece in complessità e competitività, rilanciando prepotentemente l’importanza insostituibile delle capacità relazionali e di trasmissione consapevole dei valori”. Non sfugge a questa realtà anche il settore sanitario e Alessia Rampino ha sottolineato come anche nelle attività legate alla salute e tradizionalmente anelastiche ai cicli economici, l’approccio con gli interlocutori risulta più problematico, reclamando comportamenti ed esperta professionalità a tutti i livelli e sostegni formativi anche per il front office. Per Mara Rampino (esperta di legislazione del lavoro) la nuova realtà socioeconomica che si è evidenziata nel corso del 2009 con gli effetti della crisi è destinata a confermarsi nel 2010 come conseguenza della crisi stessa, quindi con ricadute aggravate su un assetto sociale che reclamerà sempre di più nuovi linguaggi e nuove attenzioni interpersonali.

Maria Gabriella Ferrazza

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl