L'Ipia di Mondragone. Il Provveditore in classe "rispettate la diversità come ricchezza"

26/gen/2010 16.28.58 Maria Beatrice Crisci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore

Leonardo da Vinci - Mondragone

 

 

 

 

Agli organi di stampa

Comunicato stampa                                                                      martedì 26 gennaio 2010

                                                                        

L’Ipia di Mondragone.  Il Provveditore in classe “rispettate la diversità come ricchezza”

 

   “Rispettate la diversità e traetene insegnamento come fonte di scambio, innovazione e creatività, perché diventi ricchezza”. Questo il messaggio lanciato dal responsabile dell’Ufficio scolastico provinciale Vincenzo Di Matteo agli studenti dell’Ipia Leonardo da Vinci di Mondragone, in occasione di una ricorrenza della Giornata della Memoria celebrata in maniera diversa e singolare. Il Provveditore si è intrattenuto per l’intera mattinata con gli studenti per un momento di confronto sul tema della Shoah e, in particolare, della diversità. Poi sul lavoro che gli alunni stanno portando avanti sul tema della legalità il responsabile del Csa ha sottolineato: “Sono estremamente felice per come in questo istituto vengano portati avanti i progetti di legalità e per l’impegno dimostrato non solo dal corpo docente, ma da tutti gli studenti che, pur vivendo in un territorio difficile sotto vari aspetti, si fanno in questo modo promotori di speranza per un futuro migliore”.

   A fare gli onori di casa il preside Giovanni Battista Abbate. “Abbiamo voluto inserire questa giornata – ha detto il dirigente scolastico – in un contesto di legalità, che stiamo portando avanti dall’ottobre scorso con il progetto Controvento. Bisogna insegnare ai giovani che deve esserci legalità anche nei confronti delle minoranze, perché la mancanza di rispetto per il prossimo è stata la causa determinante di quanto è successo in quel tragico passato che noi ora ricordiamo.

   L’Istituto ha inteso ripercorrere quegli eventi non solo come un'occasione di incontro e di riflessione, ma anche – ha continuato – per apprendere dal passato insegnamenti per evitare quei drammatici errori e orrori e vivere in una società più solidale e umana, aperta e plurale. Non un semplice momento commemorativo, dunque, ma un’occasione culturale ricca di significati per la nostra vita di oggi”. 

La manifestazione è stata aperta da uno studente che con la tromba ha suonato le note del silenzio, mentre all’interno dell’Istituto è stata allestita una mostra di fotografie sulla Shoah a cura dei ragazzi.

   Intanto, prosegue il progetto “Tribù urbana” elaborato dall’Istituto e finanziato dal Comune di Mondragone. Gli studenti coordinati dal percussionista e compositore Paki Palmieri dovranno costituire una band composta da allievi dell’Ipia che utilizzeranno come strumenti solo materiali riciclati come bidoni di plastica e ferro, vecchi lavandini, cofani di macchine e via dicendo. Materiale che, va detto, gli studenti hanno già raccolto in discarica.

Il progetto Tribù Urbana, ricordiamo, è coadiuvato, oltre che dal preside Abbate, anche dal fiduciario dell’Ipia Vincenzo Di Vaio e dai professori Giovanna Paolino, Alessandro Prisco, Giuseppe Rizzo e Lina Ventrone.

 

 

Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-web-diffusione. I giornalisti che volessero richiedere foto in formato jpeg o contattare l’ufficio stampa per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

                                                                                                                            Comunicazione Ipia

Questo messaggio e-mail, inviato in Ccn a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che invii di posta elettronica indesiderati siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito il Suo indirizzo e-mail di persona, navigando in rete o da messaggi di posta elettronica che l’hanno reso pubblico. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: “Cancella”. Grazie.

Ai sensi e per gli effetti del D. Lgs. 196/03, le informazioni contenute in questo messaggio e-mail sono dirette esclusivamente al destinatario, e come tali sono da considerare riservate. È vietato pertanto utilizzare il contenuto dell’e-mail, prenderne visone o diffonderlo senza autorizzazione. Qualora fosse da Lei ricevuto per errore voglia cortesemente rinviarlo al mittente e successivamente distruggerlo.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl