RICERCA STERLING COMMERCE - Investire nell'integrazione B2B basata su Cloud per ridurre i costi

28/gen/2010 16.03.39 Prima Pagina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

SCI primary_Logo_color

 

Una ricerca rivela che il 72% delle aziende Europee prevede di adottare

servizi di integrazione B2B basati su Cloud per ridurre i costi

 

La sicurezza è per il 65% degli intervistati l’aspetto imprescindibile

di un servizio di integrazione B2B basato su cloud

   

Milano, 28 gennaio, 2009 - Sterling Commerce, azienda di AT&T Inc. (NYSE:T), ha annunciato i risultati di una ricerca realizzata a livello pan-europeo che analizza i fattori che porteranno le aziende a valutare e adottare i servizi di integrazione business-to-business (B2B) basati su cloud. La ricerca, condotta tra 300 senior IT manager in Europa, ha evidenziato che il 72% degli intervistati prevede di investire in una strategia di integrazione B2B basata su cloud con l’obiettivo di ottenere un risparmio dei costi e rendere l’infrastruttura scalabile. Francia e Germania in testa, rispettivamente con il 72% e 77%, hanno dichiarato che questo sarà sicuramente un settore di investimento nei prossimi dodici mesi.

 

Secondo gli intervistati questi i vantaggi che deriverebbero dall’adozione dei servizi di integrazione B2B basati su Cloud:

·         Oltre il 50% prevede di ridurre i costi operativi attraverso un utilizzo più efficiente del personale IT e una migliore previsione dei costi.

·         Oltre il 35% afferma di voler ridurre gli errori derivanti dai processi manuali, poiché ha compreso che l’elaborazione manuale costituisce il principale ostacolo all’utilizzo delle proprie attuali funzionalità di integrazione B2B .

·         Circa un terzo degli intervistati si aspetta di ottenere maggiore visibilità all’interno dei processi B2B.

 

“La ricerca conferma che ora le aziende sono pronte a beneficiare della flessibilità e della scalabilità offerta dalle soluzioni di integrazione B2B e che sono altrettanto disposte ad adottare il modello ‘pay-for-use’ che il cloud computing rappresenta,” commenta David Carmichael, Senior Product Marketing Manager di Sterling Commerce.

 

Gartner1 stima che i profitti derivanti dai servizi cloud in tutto il mondo aumenteranno, passando da 46,4 miliardi di dollari nel 2008 a 150,1 miliardi di dollari nel 2013. Più nello specifico, per quanto riguarda l’integrazione as a service (IaaS), secondo Gartner nel 2009 le aziende hanno speso, a livello globale, oltre 1,5 miliardi di dollari in IaaS e nell’outsourcing dell’integrazione B2B. Nel corso dei prossimi cinque anni è prevista una forte domanda per i servizi di integrazione, che spingerà le aziende ad inserire l’integrazione B2B nella propria strategia con l’obiettivo di trarre il massimo vantaggio dai servizi business-to-business all’interno dei loro progetti B2B.

   

 

La ricerca ha rilevato, inoltre, che per il 65% degli intervistati, la sicurezza è la preoccupazione principale quando si valuta un servizio di integrazione B2B basato su cloud. “Questo dato è prova di più ampie preoccupazioni da parte delle aziende verso il cloud computing,” continua Carmichael. “Gli accordi contrattuali potranno avere esito positivo garantendo la sicurezza dei sistemi e dei dati, nel momento in cui si sceglie di passare a un servizio basato su cloud; dall’altro lato i fornitori di servizi di integrazione dovranno essere credibili così da ottenere la fiducia dei clienti. Da oltre 30 anni, Sterling Commerce lavora con le principali aziende Fortune 500 per costruire tale fiducia, guidando l’evoluzione nell’integrazione e nei servizi B2B basati su cloud sicuri e affidabili.”

 

Inoltre, gli intervistati ritengono sia importante che i fornitori di integrazione B2B offrano possibilità di scelta tra una soluzione implementata nei sistemi aziendali, in modalità on-demand o completamente gestita, visto che solo l’8% di questi non lo ritiene un requisito rilevante.

 

“Nell’attuale scenario economico, le aziende sono sempre più consapevoli della necessità di ottimizzare le loro capacità di integrazione B2B, per ridurre i costi oggi e diventare più agili e competitive in futuro. In un momento in cui ben poche aziende prendono in considerazione progetti senza garanzie di ROI - e solitamente in un periodo di tempo di dodici mesi - la possibilità di passare da una spesa CAPEX ad una OPEX rende l’integrazione B2B basata su cloud efficace”, conclude Carmichael.

 

   

[1] Report Gartner: Forecast: Sizing the Cloud; Understanding the Opportunities in Cloud Services

   

******

 

Sterling Commerce, azienda del gruppo AT&T Inc. (NYSE:T), aiuta i clienti ad ottimizzare e trasformare la loro Business Collaboration Network per incrementare i profitti e ridurre i costi. Oltre 30.000 clienti di tutto il mondo utilizzano le applicazioni e le soluzioni di integrazione di Sterling Commerce per consentire all’aziende di connettersi, comunicare e collaborare all’esterno e all’interno dei confini aziendali. Con sede a Columbus, Ohio, Sterling Commerce ha uffici in 24 paesi e nelle principali città del mondo.

Per ulteriori informazioni: www.sterlingcommerce.it.

 

 

Per informazioni

Elisabetta Reato, Silvia Asperges                                    Francesca Fantoni

Prima Pagina Comunicazione                                         Sterling Commerce Italia

Tel. 02/76118301                                                           Tel. 02 3030221

Fax 02/7611.8304                                                          Fax 02 30302222

elisabetta@primapagina.it; silvia@primapagina.it             Francesca_Fantoni@stercomm.com

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl