A Bologna il Premio per i rapporti italo-slovacchi

26/feb/2010 23.23.28 Zuzana Solieri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

A Bologna il Premio per i rapporti italo-slovacchi

Serata di gala a Bologna con alte autorità dalla Slovacchia e dall’Italia per un Premio dedicato alle relazioni italo-slovacche. Tra i premiati due italiani per educazione e ricerca.

 

Si è tenuta sabato 20 febbraio a Bologna la serata di gala dedicata alle relazioni tra Italia e Slovacchia. Il Premio Re Enzo per le Relazioni Italo-Slovacche, al suo debutto, affianca da quest’anno il Ballo degli Slovacchi, arrivato alla quarta edizione.  La Commissione giudicante, composta da Ivano Dionigi, Rettore dell’Università di Bologna, Pavol Dubček, figlio dello statista e Presidente della Società Alexander Dubček, Drahoslav Machala, scrittore, Consigliere del Primo Ministro slovacco e Andrea Sassi, Dirigente responsabile delle Relazioni Internazionali del Comune di Bologna, ha assegnato l’edizione 2010 del Premio ai seguenti candidati:

Per la categoria EDUCAZIONE / ISTITUZIONI al Prof. Guido Gambetta, professore dell'Università di Bologna, per avere nel 1988 proposto, da Preside della Facoltà di Scienze Politiche, la laurea honoris causa ad Alexander Dubček, e avere seguito le trattative con il Governo Cecoslovacco per rendere possibile nel novembre dello stesso anno la visita dello statista della 'Primavera' in Italia, dunque oltre cortina. Per avere, in seguito, favorito l’accoglienza di studenti slovacchi all’Università di Bologna, promosso l’insegnamento della lingua slovacca presso il campus di Forlì, e per avere in oltre vent’anni favorito le relazioni tra istituzioni italiane e slovacche.

Per la categoria RICERCA al Dr. Augusto Lauro, chirurgo dell'UO Trapianti dell'Ospedale S.Orsola di Bologna, per avere attuato da Consigliere UE in Slovacchia un gemellaggio tra Repubblica Slovacca ed Italia che ha potenziato negli anni 2006-2008 la rete trapianti slovacca di organi, tessuti e cellule. Sono poi seguiti nell’anno 2009, per i trapianti di fegato, un accordo tra i Ministeri della Salute italiano e slovacco, ed uno interospedaliero tra gli Ospedali Sant’Orsola di Bologna e Roosevelt di Banska Bystrica, che consente a pazienti italiani di poter beneficiare di trapianto di fegato da donatori slovacchi. In questo sviluppo il Dr. Lauro ha rivestito il ruolo di Coordinatore AIRT (Associazione Interregionale Trapianti). Con il Dr. Lauro erano presenti alla consegna il direttore del Centro Nazionale Trapianti Dr. Alessandro Nanni Costa, il DG dell'Ospedale S.Orsola Dr. Augusto Cavina, il Direttore UO Trapianti del Sant’Orsola Prof. Antonio Daniele Pinna.

Per la categoria ISTITUZIONI a Tibor Mikuš, Presidente della Regione autonoma di Trnava e membro del Parlamento Slovacco, per avere perseguito per la Regione che presiede politiche di collaborazione a livello europeo che hanno portato a siglare nell'anno 2008 una Intesa tra la Regione di Trnava e la regione autonoma italiana Friuli Venezia Giulia. L'Intesa è rivolta a stringere accordi e collaborazioni nei campi economico-commerciale, tecnico-scientifico, socio-sanitario, ambientale, turistico e culturale, anche favorendo la realizzazione di gemellaggi tra municipalità delle due regioni.

I premi sono stati consegnati dal Sottosegretario alla Presidenza Sen. Carlo Giovanardi e dal Vicepresidente del Parlamento slovacco Miroslav Ciž.  L’evento ha beneficiato dei più alti patrocini: l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Slovacca, un saluto a nome del Presidente della Repubblica Italiana, il patrocinio dei Ministeri degli Esteri italiano e slovacco.  Alla manifestazione hanno preso parte alte autorità. Oltre a quelle citate, dalla Repubblica Slovacca erano presenti alcuni parlamentari e dall’Italia hanno partecipato la Vicepresidente della Regione Emilia Romagna Prof.ssa Maria Giuseppina Muzzarelli e, in rappresentanza del Rettore Dionigi, la responsabile relazioni con gli Enti Esterni dell’Università di Bologna la Prof.ssa Carla Faralli. Il progetto è stato realizzato grazie ai partner Enel-Slovenske elektrarne, Slovakia Group e Carnogursky Law Firm, e grazie ad alcune istituzioni quali l’Ufficio per gli slovacchi all’estero, Matica slovenska ed altre.

Associazione Allegra, con sedi a Modena e Bratislava, ha da qualche anno iniziato un programma di “promozione” tra Italia e Slovacchia, organizzando eventi culturali e favorendo il contatto tra le istituzioni italiane e quelle slovacche. Maggiori informazioni su www.allegraweb.eu.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl