La marketing web tv intervista il teorico della comunicazione Andrea Pitasi

La marketing web tv intervista il teorico della comunicazione Andrea Pitasi Nella cornice primaverile del bellissimo giardino del Suor Orsola Benincasa, il docente di marketing strategico analizza i risvolti del digital divide, il bivio in cui si trova la pubblica amministrazione e i paradossi di utilizzo delle nuove tecnologie di informazione e comunicazione.

01/apr/2010 12.48.40 Maria Esposito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nella cornice primaverile del bellissimo giardino del Suor Orsola Benincasa, il docente di marketing strategico analizza i risvolti del digital divide, il bivio in cui si trova la pubblica amministrazione e i paradossi di utilizzo delle nuove tecnologie di informazione e comunicazione.
 

Tra pochi giorni on line l'intervista ad Andrea Pitasi, docente presso le Facoltà di Scienze Sociali, Università Gabriele d’Annunzio di Chieti e Pescara e la Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli,in cui racconta dei cambiamenti a livello economico, politico e sociale che sono sotto i nostri occhi, analizzati anche nel suo libro “Teoria sistemica e complessità sociale", legati alle innovazioni tecnologiche dei nostri tempi. Tanto più verrà opposta resistenza a tali innovazioni da parte di alcuni ambiti della società, quanto più queste troveranno difficoltà ad attecchire. La società attuale globalmente intesa, necessita di una riconfigurazione dei settori di business principali, andando ad eliminare quelle piccole innovazioni incrementali che complicano, anziché migliorare, la vita dei cittadini.

Questa, probabilmente, potrebbe essere una soluzione per ridurre il digital divide, ovvero la difficoltà d'accesso alle piattaforme tecnologiche vissuta da una grossa fetta di utenti. Una soluzione strategica è focalizzarsi sul mantenimento nel medio e lungo termine di una tecnologia e poi farla sostituire da una tecnologia più avanzata che riorganizzi la diffusione dell'informazione e della conoscenza.

Oggetto di discussione è stata anche la pubblica amministrazione, che a partire dal D.P.R. 150 del 2000 si trova ad un bivio: seguire il criterio Porteriano di attaccamento al territorio o piuttosto passare al paradigma di Norman in cui l'apparato statale si smaterializza e dà prevalenza ad una dimensione glocale e simbolica? Lo studioso suggerisce indubbiamente di seguire il modello Normaniano di comunicazione diffusa, utilizzando una logica di think global act local. Da questa scelta direzionale dipende l'evoluzione del sistema pubblico Italiano.

 

Sui social network e sulle potenzialità di quest'ultimi, Pitasi ha sicuramente un parere positivo, seppur scettico rispetto all'uso ancora “arcaico” che spesso se ne fa. I social network sono talvolta ancora utilizzati come strumenti dell'era industriale: le aziende targettizzano la loro comunicazione nei limiti del loro territorio geografico, tagliando così potenziali utenti che nella logica glocale dei social network sarebbero invece potenziali clienti a tutti gli effetti.

 

L'intervista si conclude con una domanda sull'ultimo libro di cui il Professor Pitasi ha curato la stesura insieme ad una equipe interdisciplinare di studiosi: “Regole e finzioni. Il sistema giudiziario nella fiction cine-televisiva”. Tema del libro è quanto l'idea che le persone hanno del sistema giudiziario, Italiano e Americano, sia influenzato da come viene rappresentato nella fiction televisiva e come all'opposto il sistema giudiziario talvolta si autoconvinca di essere protagonista di una fiction. Il rischio è di approdare a verdetti spesso differenti nei due mondi, fiction e realtà, rischiando di “salvare” un colpevole a livello di opinione pubblica, o al contrario demonizzare un innocente, a causa dell'ormai diffuso pericolo di vedere la realtà come fosse una fiction.

 

Per vedere l'intervista www.marketingwebtv.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl