I Lego di Jan Vormann riparano i muri delle città

10/mar/2010 10.49.05 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Jan Vormann6

L’idea del giovane artista tedesco Jan Vormann è semplice ma alquanto efficace: riempire con mattoncini Lego le crepe ed i fori presenti nei muri. L’effetto finale è incredibile. Vecchi muri grigi e spenti si illuminano ed escono dall’anonimato grazie a questi coloratissimi pezzettini di plastica. Il progetto di Jan Vormann, denominato Dispatchwork, è nato proprio in Italia qualche anno fa durante il festival 20eventi. Mentre l’artista passeggiava nel borgo medievale di Bocchignano vicino a Roma è rimasto colpito dai palazzi che erano costruiti utilizzano tanti tipi di materiali diversi, scelti dalla necessità e non certo dal design.

Se avete un buco nel muro – ha spiegato Jan Vormann – e una varietà di pietre diverse, ai costruttori non importa la forma, il colore o la composizione dei mattoni, basta che questi riempano i buchi e assicurino la stabilità del muro. Gli avanzi di mattoni usati per una casa non sono stati buttati via ma sono invece stati riutilizzati per aggiustare un altro palazzo o per essere aggiunti a quello originale”. Ed è così che ha collegato “questo con il modo in cui giocavo con il Lego quando ero bambino. Cominciavo a scavare dentro la scatola per finire una struttura che avevo già cominciato a costruire. Ma se non riuscivo a trovare i pezzi appropriati, del colore, forma e dimensione giusti, allora ne usavo altri qualunque”.

Quello che per l’artista è fondamentale è seguire questo precetto da sempre rispettato per le costruzioni: che diano senso di stabilità. Solo in un secondo tempo a saltare agli occhi deve essere il contrasto del risultato con “colori artificiali su quelli naturali, forme perfette, colorate e scintillanti insieme a quelle opache, grigie ed organiche” come ha sottolineato lo stesso artista.

Dopo aver ‘abbellito’ i muri di Bocchgnano, le installazioni di Vormann sono apparse anche a Berlino (dove hanno riparato i fori delle pallottole e le crepe negli edifici provocate dalle esplosioni della Seconda Guerra Mondiale) ed ora invadono New York. Jan vuole, infatti, “dare una mano al sindaco Bloomberg nella sua lotta quotidiana per rendere la città sempre più stupefacente”. Tutte le immagini delle sue installazioni (Bocchignano, Amsterdam, Berlino, Tel Aviv, New York ecc) sono visibili sul sito www.dispatchwork.info.

Le altre opere di Jan Vormann si possono invece ammirare sul suo sito ufficiale www.janvormann.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl