Il consumo razionale può fermare i cambiamenti climatici

18/mar/2010 11.32.11 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
By remuz [Jack The Ripper]

By remuz [Jack The Ripper

Quanto contano le scelte di consumo individuali dei cittadini nella lotta ai cambiamenti climatici? Quali obiettivi si potrebbero raggiungere semplicemente convincendo le persone ad adottare stili di consumo razionali? Quante emissioni di gas serra si potrebbero risparmiare?

E’ stata pubblicata recentemente su Scientific American una ricerca su questo tema condotta dal Natural Resources Defense Council (NRDC) e dal Garrison Institute’s Climate, Mind and Behavior Project. Secondo gli esperti americani, l’adozione di 14 semplici pratiche da parte di tutti i cittadini statunitensi potrebbe significare da qui al 2020 la riduzione di circa un miliardo di tonnellate di CO2 emessa, l’equivalente delle intere emissioni annue della Germania.

Ovviamente si tratta di un calcolo astratto. Tra i tanti popoli, quello americano è il più restio a rinunciare a una parte del proprio comfort, o anche solo delle proprie abitudini, per venire incotro al problema ecologico. Tuttavia questo calcolo fa capire come ci siano margini di azione amplissimi non soltanto a livello macroeconomico, con la graduale riconversione degli apparati energetici verso le fonti rinnovabili, ma anche a livello di comportamenti individuali.

Ecco in sintesi i 14 passi presi in considerazione, con accanto la quantità di emissioni risparmiate da qui al 2020 se tutti gli americani l’adottassero:

1) Prendere l’aereo una volta in meno all’anno
2) Buttare nella spazzatura il 25% in meno di cibo
3) Andare a lavoro in tanti con la stessa macchina o lavorare da casa una volta a settimana (75 milioni di tonnellate di CO2 equivalente)
4) Fare manutenzione della propria auto, ad esempio gonfiando le gomme regolarmente (45 milioni)
5) Tagliare della metà il tempo trascorso dentro un veicolo acceso e fermo (40 milioni)
6) Migliorare l’isolamento della casa (85 milioni)
7) Impostare i termostati su temperature d’accensione più alte (80 milioni)
8) Ridurre il consumo di oggetti in stand-by (70 milioni)
9) Usare l’acqua calda più razionalmente, lavando ad esempio i vestiti con acqua più fredda (65 milioni)
10) Sostituire con apparecchi efficienti quelli vecchi quando smettono di funzionare, a partire da frigorifero e tv (55 milioni)
11) Sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a fluorescenza (30 milioni)
12) Mangiare pollo invece che manzo almeno due giorni a settimana (105 milioni)
13) Aumentare la raccolta differenziata di plastica, carta e metalli (105 milioni)
14) Responsabilizzare il consumo, ad esempio comprando meno bottiglie d’acqua (60 milioni).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl