Marea nera inarrestabile, la BP chiede aiuto sul web

Marea nera inarrestabile, la BP chiede aiuto sul web Img deephorizonresponse.com Nessuno sa più come fermare la fuoriuscita di petrolio nelle acque del Golfo del Messico.

11/mag/2010 10.57.59 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Img deephorizonresponse.com

Img deephorizonresponse.com

Nessuno sa più come fermare la fuoriuscita di petrolio nelle acque del Golfo del Messico. E’ infatti fallito il primo tentativo di porre una cappa contenitiva di cemento e acciaio. La Bp, che ha fatto sapere di aver già speso 350 milioni di dollari nei tentativi di contenere e fermare la perdita, ha fatto sapere che tenterà di nuovo, nei prossimi giorni con un’altra  cappa, probabilmente più piccola.

Tuttavia prevale il pessimismo sulla riuscita dell’operazione, tanto che la BP sta valutando altre ipotesi d’intervento. Alcune sono già sul tavolo: la prima consisterebbe nel costruire un grande “tappo” di gomma e altri materiali da calare in profondità e applicare sulla falla per fermare il greggio. La seconda prevede invece di inviare ad alta pressione sulla falla un cumulo di rifiuti (pneumatici tritati, palline da golf…). Nel frattempo, la Polizia della Florida ha consigliato di rovesciare in corrispondenza della perdita delle balle di fieno: in questo modo non s’impedirebbe la fuoriuscita, ma sarebbe molto più facile ripulire l’acqua, visto che l’olio si attaccherebbe al fieno.

La sensazione, putroppo, è che si stia raschiando il fondo del barile delle idee per fermare la perdita: prova ne è il fatto che la stessa BP ha aperto un blog per raccogliere pareri e sostegno direttamente dai cittadini.

Fonte: corriere.it.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl