Superenalotto: basta ricordarsi che è un gioco

17/mag/2010 11.13.51 Luca Comos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ormai il Jackpot del gioco del Superenalotto ha raggiunto la quinta posizione nella classica dei record più alti del mondo, calcolando per questa ultima estrazione, quella del martedì, un’altra eventuale vincita da capogiro, che porterebbe nelle tasche del fortunato, e beato lui, vincitore oltre settanta milioni di euro.


La cifra per il sei di quest’ultima giocata è stata precisamente di 70.700.000 euro. L’assalto alle ricevitorie come ogni settimana è ormai d’obbligo, e il Superenalotto è ormai degno di meritarsi il titolo di luogo comune degli italiani, è ormai uno dei simboli che ci rappresenta insieme alla pizza, agli spaghetti e al mandolino.
Con la giocata di una colonna, le possibilità di azzeccare il sei, quindi la combinazione che può davvero farci diventare milionari, sono 1 su 622.614.630, statistica alquanto difficile da memorizzare e ripetere, ma anche alquanto impossibile che possa davvero capitare proprio a qualcuno di noi.


Malgrado ognuno di noi proprio non pensa minimamente in cuor suo di diventare milionario, ma comunque come dice il detto, ed è bene ricordare come dicono i nonni che i detti non sbagliano mai, che “tentar non nuoce”. L’importante è divertirsi, infondo questo, pur se da capogiro è la vincita, è sempre un gioco, e quindi giocare con responsabilità. Chissà, dato che anche sognare non costa nulla, che proprio uno tra noi sia il prossimo fortunato milionario italiano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl