Antitrust: sotto indagine i rialzi Rc auto

Antitrust: sotto indagine i rialzi Rc auto Mettendo a confronto assicurazioni auto, sia che esse facciano parte del mercato presente sul web che di quello tradizionali, la prima cosa che salta all'occhio è il continuo salire dei prezzi, ormai considerato insostenibile dai cittadini italiani.

31/mag/2010 17.26.38 Luca Comos Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mettendo a confronto assicurazioni auto, sia che esse facciano parte del mercato presente sul web che di quello tradizionali, la prima cosa che salta all’occhio è il continuo salire dei prezzi, ormai considerato insostenibile dai cittadini italiani. Questi ultimi, sempre di più negli ultimi tempi, hanno invocato senza sosta l’intervento delle associazioni dei consumatori e degli specifici garanti.

L’Antitrust non è rimasto insensibile al bisogno di chiarezza dei cittadini italiani ed ha avviato nel mese di maggio un indagine conoscitiva del settore per ricostruire il reale rapporto tra costi/prezzi delle polizze e l’andamento generale del settore. Un confronto assicurazioni auto è necessario per capire come mai, nonostante l’introduzione, da tre anni a questa parte del risarcimento diretto, i prezzi siano sempre in continuo aumento. Su questo fattore, tutti gli economisti e le istituzioni sono d’accordo. E i comparatori di prezzo, spiegano, possono rivelarsi strumenti davvero utili, ma soprattutto imparziali al fine di garantire una trasparenza del settore dovuta, non solo per legge alla Comunità europea, ma soprattutto ai milioni di contraenti di polizze rc auto.

I cittadini al contempo pero, insistono le associazioni di consumatori, non dovrebbero accontentarsi di effettuare un doveroso e attento confronto al momento della stipula, ma dovrebbero richiedere tutte quelle agevolazioni che spettano loro: un esempio fra tutti può essere quello di usufruire di quella introdotta dal decreto Bersani che da la possibilità di ottenere la classe di merito del convivente. Dell’intera papabile utenza, infatti,  fino ad ora, solo il 7,5% ne ha realmente approfittato.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl