Rc Auto, anche il Senato indaga sugli aumenti

16/giu/2010 16.08.02 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Ma dagli studi Supermoney emergono oscillazioni del 60% nei premi assicurativi

 

Dopo l’Antitrust, anche la Commissione Industria al Senato ha deciso di avviare un’indagine conoscitiva sul settore Rc Auto per investigare sugli aumenti record che hanno colpito gli automobilisti italiani. Il senatore Cesare Cursi ha ricordato che “negli ultimi 13 anni in Italia si è registrato un incremento del 131 per cento nel settore delle assicurazioni contro il 16,5 per cento della Francia, il 30 per cento della Germania, il 67 per cento della Spagna, il 78 per cento del Regno Unito e del 35,3 per cento della zona euro". L'indagine prevede un ciclo di audizioni di tutti i principali soggetti del settore coinvolti e sopralluoghi per acquisire elementi conoscitivi ed attivare consulenze tecniche.

“Se risulta evidente un aumento generalizzato del costo dei premi delle RC Auto, i nostri studi – spiega Bruno Iambrenghi, Business Development Manager di Supermoney – dimostrano una grande variabilità da compagnia a compagnia all’interno delle singole categorie di assicurati. Il consumatore può quindi tutelarsi scegliendo l’offerta più conveniente sul mercato”.

Le rilevazioni fatte attraverso il sistema di confronto della Rc Auto di Supermoney hanno fatto emergere differenze superiori al 60% all’interno della stessa categoria assicurativa. Il consumatore può quindi affidarsi agli strumenti offerti gratuitamente da Supermoney per trovare l’offerta più adatta alle sue esigenze tra quelle proposte da 17 compagnie assicurative.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl