Top Kill ha fallito, Google cerca nuove idee

31/mag/2010 11.39.34 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La marea nera vista dal satellite di Google

Anche l’operazione Top Kill ha fallito, e la fuoriuscita di petrolio dalla falla sottomarina del Golfo del Messico continua senza interruzione. Si tratta del terzo tentativo andato a monte, dopo quelli della cupola di cemento e acciaio e del siringone.  Ora la Bp, che nonostante tutto è ancora responsabile degli interventi per mettere fine al disastro, tenterà con una nuova operazione, denominata Lower Marine Riser Package (LMRP). Consiste nel posizionare sopra la valvola danneggiata dall’esplosione una specie di cappuccio, collegato con le navi in superficie, per cercare di recuperare la grossa parte del greggio. Anche con questo tentativo si corre però il rischio di aumentare la perdita almeno del 20%.

Le probabilità che anche questa quarta opzione possa fallire sono dunque altissime. Come aveva fatto la Bp, aprendo il blog Deepwater Horizon Response, anche Google si è impegnato nel cercare sul web nuove idee per chiudere la maledetta falla. Il motore di ricerca ha messo a disposizione lo strumento “Google Moderatore“, organizzando una discussione aperta a tutti gli utenti. E’ possibile leggere i suggerimenti degli altri, votarli e lasciarne di propri. Per accedervi è necessario soltanto possedere un Account Google: fino ad ora Google ha raccolto 7,200 commenti e 106,000 voti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl