invito anteprima L'accalappiatopi

FONT-FAMILY: "Times New Roman"; FONT-SIZE: 12pt; MARGIN: 0cm 0cm 0pt; mso-fareast-font-family: "Times New Roman"; mso-style-parent: "; mso-pagination: widow-orphan

25/ott/2002 15.42.06 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Corte Ospitale

produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

 

 

Fiabe d’Autore

 

 

L’accalappiatopi

Da L’accalappiatopi di Marina Cvetaeva
regia Franco Brambilla
con Roberto Andrioli

7 – 11 anni

Compagnia Locus Solus

produzione La Corte Ospitale

 

anteprima

 

giovedì 31 ottobre 2002, ore 18

L’Ospitale, via Fontana 2 Rubiera RE

 

invito

 

 

La Corte Ospitale inaugura il progetto Fiabe d’autore,  momenti di spettacolo tra poesia, letteratura e teatro, con la produzione L’accalappiatopi, versione teatrale dell’omonimo poema di Marina Cvaetaeva, negli spazi del cinquecentesco Ospitale. Principale intento di questo nuovo percorso di ricerca di Franco Brambilla è riscoprire la potenza comunicativa dell’immaginario fiabesco nelle complesse metafore socio-politiche che solo i grandi narratori possono costruire senza perdere la magia e la capacità di suggerire rinnovate emozioni al pubblico dell’infanzia, intenso non esclusivamente in senso anagrafico.

Fiabe d’autore, dunque, come occasione per accostare l’infanzia, e non solo, alle opere di alcuni tra i più importanti esponenti della letteratura e della poesia contemporanea, recuperando al tempo stesso un genere letterario che, spogliato dei suoi stereotipi, riacquista la freschezza e la forza della autentica poesia.

La nota vicenda del pifferaio magico, si colora, nel testo della poetessa russa di una evidente e graffiante denuncia dell’ipocrisia imperante in una società sazia di potere e possesso sulle cose, mette volutamente al bando le intenzioni pedagogiche implicite nella fiaba della tradizione, rovesciando i termini della parabola: colpevoli i benpensanti abitanti della cittadina di Hammeln ove anche il cane non sogna l’osso, ma la catena, liberatorio e rivoluzionario il potere della musica e del suo magico esecutore che condurrà felicemente alla morte i suoi piccoli seguaci, liberandoli dai vincoli di una società perbenista ed ipocrita.

Il racconto, affidato alla interpretazione di Roberto Andrioli, sull’onda delle rime incalzanti del testo poetico, ci guida in un crescendo di stupore, ironia, satira e passione, verso la visione utopica di un mondo ove finalmente possano librarsi le note ed i suoni di una lirica che ci conduce alla libertà della nostra infanzia, alla vittoria dell’immaginazione sulla realtà, al potere della parola creatrice di immagini e visioni.

 

per informazioni

 

La Corte Ospitale

via Fontana 2, 42048 Rubiera (RE)

tel +39 0522 621133 fax +39 0522 262343

info@corteospitale.org

www.corteospitale.org

 

contatti

distribuzione La Corte Ospitale

Massimo Momoli

distribuzione@corteospitale.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl