comunicato stampa

Grande successo ad Alberobello: oltre tremila persone hanno assistito

26/ott/2002 16.31.38 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Grande successo ad Alberobello: oltre tremila persone hanno assistito all’evento

Orienteering, alla norvegese Staff e all’ucraino Omeltchenko la sesta tappa del Park World Tour

Domani in programma l’ultima tappa, a Matera.

 

Hanne Staff e Yuri Omeltchenko. Sono loro, rispettivamente per la categoria donne e quella uomini, i vincitori della sesta tappa del Park World Tour 2002, campionato del mondo di orienteering, che si è svolta in un paesaggio incantevole, Alberobello (Puglia), la capitale dei trulli.

Staff ha trent’anni ed è norvegese: è arrivata seconda alle ultime due edizioni del Pwt ed è stata campionessa del mondo nel 1998. Ha vinto coprendo il percorso in 17’37’’4. Al secondo posto si è classificata la svedese Emma Engstrand (17’51’’2), mentre terza è arrivata la campionessa svizzera Vroni König-Salmi (18’00”4), vincitrice della scorsa edizione del Pwt e di tutte le altre tappe disputate quest’anno. La svizzera Simone Luder, testa di serie, non ha gareggiato a causa di un infortunio ad un piede. Le italiane Laura Scavonati, Sabine Rottensteiner, Michela Guizzardi e Francesca Pelizzola si sono piazzate agli ultimi posti, precedendo solo la lituana Aine Ambraziene.

Omeltchenko è un fuoriclasse ucraino: risiede ormai da anni in Svezia, la “patria” dell’orienteering. Ha vinto in 15’02’’7. In classifica ha preceduto il francese Damien Renard (15’11’’4), la rivelazione della tappa, e il finlandese Jani Lakanen (15’18’’2). Buono il piazzamento degli italiani: Carlo Rigoni al sesto posto e Michele Tavernaro (il campione italiano in carica) all’ottavo posto.

 

Oltre tremila persone hanno assistito alla gara e, nel pomeriggio, hanno provato il percorso, 2.900 metri, di cui 70 in salita e con 20 punti di controllo. Fra gli amatori anche i sindaci di Alberobello, Bruno De Luca, e di Castellana Grotte, Simone Pinto, che già aveva partecipato ad una gara in Svezia, in occasione della presentazione ufficiale della sesta tappa del mondiale, sponsorizzata peraltro dal consorzio “Trulli, Grotte e Mare”, di cui Pinto è presidente. «La gara di Alberobello è stato un appuntamento davvero unico - ha commentato Gabriele Viale, ex azzurro e presidente del PWT Italia -. Correre fra i trulli ha dato una sensazione ambientale irripetibile per uno sport che richiede velocità e abilità nel seguire le tappe tracciate sulla cartina che agli atleti è stata mostrata solo qualche secondo prima dell’inizio della gara».

 

Domani, sabato 27 ottobre, la carovana del Pwt 2002 si sposta a Matera, dove le gare iniziano alle 11, da piazza Vittorio Veneto, dove è già stato allestito il palco, al confine della zona dei Sassi, i quartieri in cui i corridori seguiranno il percorso stabilito, tra le tipiche case scavate nella roccia, in un ambiente simile alla Cappadocia.

 

 

Con preghiera di diffusione attraverso i mezzi a vs. disposizione.

 
Per maggiori informazioni

Ufficio Stampa: Antonio Procacci½tel 347/9716355 · e-mail: antonio.procacci@t-press.it

T-PRESS½tel 0883/574000 · fax 0883/310300 · e-mail: comunicazione@t-press.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl