L’Euribor continua a crescere causando meno convenienza per i prossimi mutui casa a tasso variabile.

01/lug/2010 16.45.13 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Non accenna ad arrestarsi il rialzo dell’Euribor, indice a cui sono collegati buona parte dei mutui casa a tasso variabile. Proprio oggi, primo luglio, l’Euribor a tre mesi ha fatto segnare il suo record dal settembre del 2009 superando la quota dello 0,78%, come confermato dai dati rilevati dalla European Banking Federation.

 

“I mutui a tasso variabile continuano ad essere di gran lunga i più convenienti – spiega Bruno Iambrenghi, Business Development Manager di Supermoney – ma chi ne ha già stipulato uno nei prossimi mesi potrebbe vedere un leggero rincaro nella rata del suo mutuo”.

 

Possono invece stare tranquilli i sottoscrittori di un mutuo a tasso fisso, che godono di una rata bloccata per tutta la durata del piano di ammortamento. Chi è più interessato alla stipula di un mutuo a tasso fisso può anzi approfittare della caduta dell’Irs o Euris, indice a cui è collegato questo tipo di prodotto.

 

Gli italiani hanno quindi davanti differenti alternative competitive tra cui scegliere: fisso, variabile, misto, variabile con tetto. “Negli ultimi tempi il tasso variabile l’aveva fatta da padrone aggiudicandosi i tre quarti dei contratti sottoscritti - continua Iambrenghi – ma questo costante rialzo dell’Euribor, che non si fermerà oggi, potrebbe rendere più interessanti i mutui a tasso fisso”.

Per conoscere il mutuo più adatto alle proprie esigenze il consumatore può utilizzare il sistema di confronto dei mutui di Supermoney. Attraverso il servizio offerto gratuitamente da Supermoney è possibile trovare l’offerta migliore tra quelle proposte da 19 banche diverse.

Leggi l’articolo anche su Chiarezza

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl