Telefonia, Calabrò chiede più trasparenza

Parole quanto mai appropriate, se si considera che in Italia - secondo uno studio Supermoney - sono presenti sul mercato circa 11 mila combinazioni di tariffe per cellulari ed un utente può arrivare a pagare sette volte di più se sceglie la tariffa telefonica sbagliata tra quelle proposte dal medesimo operatore.

06/lug/2010 18.00.23 Supermoney Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

Il Garante delle Comunicazioni: “Nel settore della telefonia c’è concorrenza, ma non c’è trasparenza”. Per superare questo gap, AGCOM ha anche avviato procedure di accreditamento per i motori di ricerca che permettono di fare confronti tariffari.

Ad oggi, Supermoney.eu è l’unico motore di confronto formalmente accreditato dall’Autorità Garante per la trasparenza, imparzialità e veridicità dei risultati.

 

 “La trasparenza e le certezze per il consumatore sui prezzi e sulla qualità dei servizi non sono ancora sufficienti”. Lo ha dichiarato Corrado Calabrò nella Relazione annuale 2010 sull’attività svolta e sui programmi di lavoro dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni tenutasi stamani a Montecitorio a Roma.

 

Parole quanto mai appropriate, se si considera che in Italia – secondo uno studio Supermoney – sono presenti sul mercato circa 11 mila combinazioni di tariffe per cellulari ed un utente può arrivare a pagare sette volte di più se sceglie la tariffa telefonica sbagliata tra quelle proposte dal medesimo operatore. O addirittura fino a 20 volte di più se finisce con la tariffa sbagliata dell’operatore meno conveniente.

 

Come uscire da questa situazione? Nel suo discorso il presidente dell’AGCOM ha voluto sottolineare gli importanti sforzi compiuti dall’Autorità sul versante della trasparenza e, in particolare, il ruolo che AGCOM ha riservato ai motori di confronto su internet. “L’utente - ha spiegato Calabrò – deve avere il controllo della spesa telefonica”. Anche per questo “abbiamo introdotto un sistema di accreditamento di motori di ricerca che faciliti il confronto delle tariffe telefoniche”.

 

“La linea tracciata dal Presidente è completamente condivisibile – ha dichiarato Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di Supermoney, ai margini della relazione a Roma a cui era presente –. Il mercato della telefonia è fortemente concorrenziale, ma è altrettanto fortemente opaco. Le dichiarazioni rilasciate da Calabrò dimostrano l’importanza di uno strumento come Supermoney.eu per permettere al consumatore di aumentare la propria consapevolezza, risparmiare e trovare le offerte migliori sul mercato”.

 

Il pensiero di Calabrò è poi approfondito nella Relazione 2010: AGCOM evidenzia a chiare lettere la necessità di una comparazione trasparente e aggiornata sui confronti tariffari e mette in guardia su tutti quei siti internet che traggono in inganno gli utenti, talvolta per incapacità, talvolta per malafede.

“La procedura di accreditamento di motori di calcolo – si legge nella Relazione 2010 – è stata prevista per rispondere ad un’esigenza di trasparenza in un settore ancora contraddistinto dalla contemporanea presenza di numerosi portali internet, di varie dimensioni, che offrono sistemi di comparazione, ma che non garantiscono confronti effettivamente trasparenti e aggiornati con il rischio di indurre gli utenti a scelte commerciali inadeguate […], anche in Italia, come nel Regno Unito, si è avviato il percorso per la valutazione dei motori di calcolo sulla base di parametri come l’accessibilità, l’accuratezza, la trasparenza e la completezza, così da selezionare e accreditare formalmente alla fornitura del servizio soltanto quelli che rispettino gli specifici criteri posti”.

 

In Italia, questo lungo processo di accreditamento è stato portato a termine con successo solo da Supermoney.eu, l’unico portale per i confronti tariffari accreditato da AGCOM per la veridicità, correttezza, e trasparenza nel calcolo delle tariffe telefoniche.

 

“Sentiamo la responsabilità di essere l’unico portale accreditato da AGCOM, siamo felici di essere riconosciuti come utili, veritieri e corretti da parte dell’Autorità Garante e vogliamo assolvere al meglio il nostro compito di analisi e confronto – ha concluso Manfredi al termine della Relazione a Roma –. Anche per questo auspichiamo crescenti relazioni con gli operatori del settore nell’interesse comune di aumentare la trasparenza e la consapevolezza delle scelte degli utenti”.

 

Leggi l’articolo anche su Chiarezza, l’osservatorio del risparmio di Supermoney

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl