I test d’ingresso e i corsi a numero chiuso.

Una frase che sottoscriverebbe anche uno studente che, appena superati gli esami di maturità, si vede costretto a prepararsi d'estate per i test d'ingresso universitari.

07/lug/2010 16.09.22 MediaAgency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli esami non finiscono mai.

Una frase che sottoscriverebbe anche uno studente che, appena superati gli esami di maturità, si vede costretto a prepararsi d’estate per i test d’ingresso universitari.

Molte facoltà, infatti, prevedono il numero chiuso, con conseguenti prove di ammissione.

E spesso si tratta proprio di corsi di studio tra i più ambiti e prestigiosi, come Medicina, Odontoiatria, Economia e Ingegneria.

I test d’ingresso assomigliano un po’ a entità misteriose, dal momento che, pur sapendo le modalità della prova (a quiz o a risposta aperta), gli studenti ne hanno un’idea vaga e imprecisa.

Spesso si concentrano sulle materie più attinenti al corso prescelto, ma si presentano alla prova senza sapere bene cosa li aspetti.

Per questo motivo diversi gli istituti affiancano i ‘matricolandi’ in questo momento delicato: tramite un tutoraggio personalizzato, simulazioni di prova e programmi di preparazione specifici, gli studenti arrivano a quest’appuntamento dopo aver acquisito la giusta dimestichezza con le materie del test e con le modalità con cui si svolge.

In questo modo è possibile superare i test d’ingresso con slancio, riuscendo ad intraprendere il corso di laurea desiderato.

Perché all’università, come nella vita, superare gli ostacoli è tutta una questione di metodo.

 

 

Test d’ingresso – Unistudi

CDB//Agencyiotiposiziono.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl