Nucleare, la Consulta boccia il ricorso delle Regioni

23/giu/2010 18.51.14 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Via libera alle centrali nucleari

La Corte Costituzionale ha bocciato il ricorso presentato da 11 Regioni contro il decreto legge del 2009 che ripristinava l’energia nucleare in Italia. Le Regioni che hanno protestato (che ora sono diventate 10 perché Cota ha fatto ritirare il Piemonte) sostenevano la non costituzionalità della norma che dava al Governo la piena autonomia di decisione sui siti dove costruire le centrali.

Le motivazioni della sentenza saranno pubblicate prossimamente. Resta però il fatto che sembra caduto l’ostacolo più grosso al ritorno del nucleare in Italia. Tuttavia, già il 9 giugno scorso la Corte Costituzionale si era pronunciata su una questione affine, ritenendo illegittima una norma del decreto anticrisi del luglio 2009 che prevedeva la possibilità per il governo di commissariare alcune competenze delle Regioni sull’energia sulla base dell’urgenza.

Le interpretazioni in merito sono discordi: fonti del governo fanno sapere che ciò non inciderà sulla possibilità di installare centrali nucleari a prescindere dal parere delle Regioni, mentre altri, come il governatore della Puglia Nicky Vendola, la considerano la pietra tombale sul progetto del nucleare italiano, per lo meno nelle Regioni anti-nucleariste.

Fonti: ManduriaOggi e Asca.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl