Ateroregressione: Come Far Regredire l’Aterosclerosi con una Dieta Sana

14/lug/2010 17.40.21 deart Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’ateroregressione indica la regressione dell’aterosclerosi. Si è dimostrato anche nell’uomo che le lesioni aterosclerotiche da accumulo di acidi grassi possono regredire con diete a basso contenuto calorico (ipocaloriche) e a basso contenuto di grassi (ipolipidiche).

L’effetto è più evidente su aorta e coronarie, meno evidente sui vasi di medio carico come le carotidi. L’effetto maggiore sembra essere favorito da diete ad intermittenza, piuttosto che a regimi ipolipidici cronici moderati.

L’attività fisica regolare, moderata e non intensa, pare favorire il meccanismo dell’ateroregressione o perlomeno fermare l’aterogenesi e l’ateroprogressione.

Farmaci come le statine sono ugualmente capaci di bloccare l’ateroprogressione; gli acidi grassi polinsaturi come gli Omega3 si sono dimostrati altamente protettivi nei confronti della disfunzione endoteliale per la loro attività anti-infiammatoria e sono anche promettenti nel controllo del metabolismo dei grassi e degli zuccheri, favoriscono la riduzione della massa grassa e del grasso viscerale.

I prossimi anni saranno fondamentali per sintetizzare molecole efficienti e protocolli dietetici nutrizionali specifici per l’ateroregressione, ma resto dell’opinione che la prevenzione dell’aterosclerosi mediante una sana Dieta Mediterranea, sia l’arma migliore, più economica e più gustosa per combattere le malattie cardiovascolari e molte malattie degenerative-proliferative compresi i tumori.


Dott. Guidalberto Guidi
Centro Specialistico Cardiologico Vascolare
Corso Vittorio Emanuele II° n. 91
10128 Torino – Italia
tel. 011.557.4280
tel. 331.622.750.80
www.cardioexpert.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl