Nuovo Codice della Strada, pronto per l'esodo. Intesa bipartisan al Senato

Intesa bipartisan al Senato COMUNICATO STAMPA "Vite sicure", Viaggio tra strade e parole Sala del Cenacolo, Camera dei Deputati Vicolo Valdina 3/a Martedì 20 Luglio 2010 Ore 10.30-13.30 Nuovo Codice della Strada, al via con l'esodo Il nuovo laboratorio tra politica e comunicazione incassa la promessa bipartisan del Senato Comunicazione, politica e norme, un intreccio che nel Codice della Strada trovano il laboratorio della sicurezza stradale.

20/lug/2010 18.43.46 Edizioni della Sera Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

“Vite sicure”, Viaggio tra strade e parole

Sala del Cenacolo, Camera dei Deputati

Vicolo Valdina 3/a

Martedì 20 Luglio 2010

Ore 10.30-13.30

Nuovo Codice della Strada, al via con l’esodo

Il nuovo laboratorio tra politica e comunicazione incassa la promessa bipartisan del Senato

Comunicazione, politica e norme, un intreccio che nel Codice della Strada trovano il laboratorio della sicurezza stradale. “Vite sicure”, Viaggio tra strade e parole – saggio di Ilaria Guidantoni, sul tema della comunicazione che ruota intorno all’incidentalità – si è confrontato con il Provvedimento di prossima attuazione in Commissione al Senato.

Con l’esodo estivo in arrivo il nuovo Codice della Strada, questa l’assicurazione di maggioranza e opposizione. “Alcune norme introdotte dalla Camera – ha spiegato il Senatore Angelo Maria Cicolani, Relatore del provvedimento in Commissione Lavori pubblici – consentono l’entrata in vigore di alcuni punti all’indomani dell’approvazione. Il lungo iter in aula d’altra parte ha avuto anche il significato simbolico di enfasi per l’opinione pubblica. Sul fronte della comunicazione mi sono reso conto dell’esigenza di rigore doverosa nel commentare i fatti che riguardano l’incidentalità, svincolandosi dalle emozioni e dall’emergenza del momento. Serve anche da parte della stampa maggiore preparazione. Obiettivo prioritario l’omotachia, la regolarità nella circolazione, insieme alla manutenzione. Lo stato della segnaletica è un esempio per tutti”.                                            Il traguardo del Codice appare già come la prima tappa di un nuovo percorso per rilanciare il Codice stradale europeo unificato seppur con delle differenze da Stato a Stato ed “è il momento di ripensare – ha aggiunto Cicolani – ad un’Agenzia per la sicurezza stradale nazionale riportando la centralità della questione dal Ministero degli Interni a quello dei Trasporti.”

Ampia convergenza da parte dell’opposizione che si impegna all’approvazione in tempi rapidi: “Ci può essere un disallineamento sul merito – ha precisato il Senatore Marco Filippi, Capogruppo PD in Commissione – che non compromette l’apprezzamento per il lavoro svolto: in particolare si chiede maggiore attenzione all'inasprimento delle multe con un’incentivazione reale dei controlli sui quali occorre investire. Dal punto di vista della comunicazione essenziale la comunicazione dei dati in tempo reale per essere efficaci nella lotta all’incidentalità.”

 

 

Sui controlli ha insistito anche il Direttore generale della Direzione generale della sicurezza stradale del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Sergio Dondolini: “l’obiettivo è 3 milioni e mezzo di controlli l’anno rispetto al milione e 800mila attuali ma lo scopo dev’essere comunicare e orientare la sicurezza non fare multe. Il 2010 sarà un anno di bilancio che potrebbe rilanciare il dimezzamento dei morti per i prossimi 10 anni. E’ in questo contesto che devono essere lette le campagne di comunicazione, come uno dei modi di fare informazione e l’occasione perché le istituzioni incontrino i cittadini”.

 

“Vite sicure”, Viaggio tra strade e parole di Ilaria Guidantoni – Il saggio (pubblicato da Edizioni della Sera) - con il patrocinio ACI, Anita, Assosegnaletica e Centro Studi per la sicurezza stradale 3M - racconta il viaggio degli ultimi 10 anni della comunicazione che ruota intorno al tema della sicurezza stradale. E’ nel 2001, con il terzo programma per la sicurezza stradale europeo, che si prende coscienza di un’emergenza collettiva fino ad allora poco percepita, quella dell’incidentalità. Dalle interviste ai giornalisti, emerge una rivoluzione incompiuta, che ha portato all’attenzione il problema, facendone un argomento di moda, oltre il mondo degli addetti ai lavori.

Prefazione di Ascanio Rozera, Segretario generale ACI e Postfazione del Pilota Giancarlo Fisichella

Ilaria Guidantoni Giornalista politico economico di trasporti, infrastrutture, territorio e patrimonio immobiliare, autore della rubrica Politica e infrastrutture su “leStrade”; Consulente per i rapporti istituzionali e la comunicazione di Anita e Assosegnaletica (Confindustria), Vice presidente Associazione Il Chiasmo dei Territori.

 

Ufficio stampa:  Martina Gaucci – vitesicure@edizionidellasera.com – tel. 06.94146971 - port. 333.7001375

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl