Gli stranieri aiutano l'Abruzzo

21/lug/2010 09.22.32 Cristiano P. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } -->

Una regione che può risollevarsi. Nei primi mesi del 2010, sono aumentate del 42% rispetto al 2009, le richieste per immobili in Abruzzo da parte di acquirenti stranieri.

Immediatamente dopo il sisma del 6 aprile, le richieste erano, invece, diminuite del 19% rispetto all'anno precedente.

"Gli inglesi e gli americani si sono dimostrati i più coinvolti a dare un impulso all'economia della regione, esprimendo un forte interesse per il mercato immobiliare abruzzese" commenta Simone Rossi di Gate-Away.com, il portale internet dedicato esclusivamente agli annunci immobiliari verso l'estero.

"Il danno maggiore" prosegue Rossi "è stato provocato dalla disinformazione, che ha diffuso l'immagine di una regione totalmente devastata dal terremoto, mentre i danni erano circoscritti soltanto a L'Aquila e dintorni, con la conseguenza di aver svuotato la regione dal turismo e non solo."

C'è anche un buon numero di richieste per case da restaurare, molte delle quali, probabilmente, sono state danneggiate dal terremoto che colpì la zona de L'Aquila.

Il mercato immobiliare, però, non si è del tutto ristabilito e nel 2011 potrebbe esserci una ripresa.

Secondo alcuni esperti, per il 2010 si prevede un calo dei prezzi moderato che potrebbe aiutare questa rinascita.

"Ci sono segnali positivi, che indicano che l'Abruzzo potrebbe beneficiare di un miglioramento" conclude Rossi "e il tutto sostenuto da un crescente interesse verso questa regione. Si può tornare così ad essere un mercato importante anche per acquirenti di molti Paesi stranieri".

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl