Solari per bambini: come proteggerli dal sole

22/lug/2010 10.00.19 Giannina Initi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Dopo un lungo e freddo inverno, l’estate è finalmente arrivata. Se avete già pensato ad una vacanza al mare con i vostri bambini, è bene informarsi sulle precauzioni da adottare per evitare spiacevoli scottature o irritazioni.

Per i bambini si sa, non c’è gioia più grande che trascorrere una giornata in spiaggia. Tra castelli di sabbia, piste per le biglie e molti altri giochi è spesso impossibile riuscire a tenerli a bada e quindi lontano dal sole. Ecco perché è importante scegliere dei buoni solari per bambini, che proteggano adeguatamente la loro pelle delicata. La pelle dei bambini, specie quella dei neonati, è infatti più sottile di quella degli adulti, ha poche difese e non ha ancora una produzione ottimale di melanina. Per questo motivo i bambini corrono un rischio maggiore di scottature ed è opportuno adottare delle precauzioni, per evitare l’insorgere di malattie della pelle in età adulta. Come ha dimostrato una recente ricerca dell’American Academy of Pediatrics circa l’80% dei danni solari è concentrato nei primi 18 anni di età.

Tra gli accorgimenti da adottare se siete diretti in spiaggia con i vostri bambini, bisogna innanzitutto evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali: durante questa fascia viene trasmesso il 50% dei raggi ultravioletti dell’intera giornata e il rischio scottature è molto alto.

Sia nelle ora centrali che non, i bambini vanno comunque sempre protetti: è buona regola all’inizio della vacanza, specialmente se sono al di sotto dei tre anni, coprirli con una maglietta di cotone e cappellino dotato di ampia visiera che tenga al riparo dai raggi dannosi occhi, naso e labbra. La maglietta dovrebbe essere di cotone a trama fitta e possibilmente di colori scuri, in quanto il colore chiaro non blocca del tutto i raggi solari.

I solari per bambini devono avere un fattore di protezione mai inferiore a 30 e contenere filtri sia contro i raggi UvB che causano scottature e eritemi, sia contro gli UVA, meno violenti ma comunque penetranti. È inoltre importante ricordarsi di riapplicare la crema solare ogni 2-3 ore, in quanto col passare del tempo diminuisce l’efficacia dello schermo protettivo. I prodotti solari vanno sempre applicati, anche quando il bambino rimane sotto l’ombrellone, perché anche se apparentemente all’ombra, subisce il riflesso del sole.

Se cerchi ulteriori informazioni o consigli su come proteggere i tuoi bambini dal sole, visita la sezione Salute di Nostrofiglio.it, il portale della casa editrice Gruner+Jahr/Mondadori dedicato alle mamme e ai papà.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl